Bastiat Contrario – Maledette liberalizzazioni

Su questo blog, Ora Liberale, stiamo ripubblicando tutti i pezzi che, con alcuni amici di Torino, ci capita di scrivere. Da oggi, ogni tanto, scriverò qualcosa apposta per quel blog, in una rubrica che abbiam deciso di chiamare Bastiat Contrario. Fateci un giro che ci sono molti interventi interessanti.

 

Maledette liberalizzazioni

 

Non appena il governo Monti ha annunciato di voler scrivere un decreto per liberalizzare alcune professioni, si sono scatenate le proteste e le minacce di sciopero. Ascoltiamo le storie di alcuni protagonisti che fanno parte della categoria dei farmacisti (1).
C’è la storia di Mario, 52 anni, una moglie e due figli, proprietario di una bella farmacia che gode di un bacino di utenza di circa quattromila persone. La sua è da sempre una famiglia di farmacisti: dal padre, che aveva ottenuto la licenza, tramite concorso comunale, nei lontani anni ’60, sino al figlio, che da poco ha iniziato l’università e che spera di seguire le orme del padre e del nonno. Mario è un po’ preoccupato per i figli, alla luce dei provvedimenti che sta prendendo il nuovo governo. Non capisce perchè a Roma se la prendano tanto con la sua categoria – non sarà mica dei farmacisti la colpa della crisi – dopotutto lui lavora con un margine netto del dieci per cento, a norma di legge, paga le tasse e grazie al reddito sicuro di cui ha goduto fino ad oggi è stato in grado di costruirsi una casa tutta sua e farsi una bella famiglia. Non è uno di quelli che sperpera il denaro in vacanze, Suv e ville all’estero: guadagna bene ma non ruba niente a nessuno. Perchè ora vogliono togliere ai suoi figli la sicurezza di cui ha goduto lui?

Continua, su L’Ora Liberale Blog