Il ciclo naturale: II parte

II. Preferenze e tasso di interesse. L’impalcatura della ABCT

 

business_economic_cycleIl ruolo delle aspettative è cruciale per la nostra analisi. Ma dobbiamo arrivarci gradualmente, a partire da alcuni elementi tradizionali della teoria economica austriaca. Si tratta delle preferenze temporali e della struttura intertemporale della produzione.

Secondo la legge della preferenza temporale, «l’uomo, nella sua scala di valori e a parità di circostanze, attribuisce sempre una maggiore importanza ai beni presenti rispetto a quelli futuri»[7]; da questo assunto, la scuola austriaca arriva ad una definizione di tasso di interesse in radicale opposizione con quella della teoria dominante (‘costo del denaro’). Possiamo infatti definire «il tasso o tipo d’interesse [come] il prezzo di mercato dei beni presenti in funzione dei beni futuri»[8]. È quindi limitante e profondamente sbagliato definire il tasso di interesse come il costo del denaro. Avvicinandoci maggiormente ad una concezione medievale, osserviamo come la grandezza normalmente chiamata i è più legata al concetto di tempo che a quello di denaro. Il mercato dei capitali è solo un particolare mercato di beni, in cui l’azione del tasso di interesse è maggiormente manifesta all’occhio comune, ma non è l’unico. In tale mercato particolare, l’offerta – i venditori – è rappresentata dai consumatori, coloro che dispongono di beni presenti e sono disposti a rinunciarvi in una qualche misura, appunto definita dal tasso[9]. Una delle forme in cui tale rinuncia si manifesta è il risparmio; i consumatori rinunciano a denaro presente in funzione di denaro futuro; offrono quindi denaro sul mercato. Da chi è costituita la domanda? Dagli imprenditori, che hanno bisogno di moneta oggi per realizzare i propri progetti industriali. Pertanto, per il mercato dei capitali il tasso di interesse naturale è quel particolare tasso che permette all’offerta (risparmio dei consumatori) di incontrare la domanda (investimenti degli imprenditori).

Ma la legge della preferenza temporale non vale sul solo mercato dei capitali. Essa va estesa all’intero sistema economico, in cui, dunque, il tasso naturale è quel tasso di equilibrio che riflette le preferenze temporali degli agenti economici. Ovviamente, si tratta di un livello teorico, un punto cui tendere. Il tasso monetario, invece, è quello che, nei sistemi economici contemporanei, è fissato d’imperio dalle autorità monetarie.

Hayek (1933, p. 449) dice che un

saggio di interesse di equilibrio potrebbe allora essere definito come un saggio che garantisse la corrispondenza fra le intenzioni dei consumatori e le intenzioni degli imprenditori; e con un saggio costante di risparmio questo sarebbe il saggio d’interesse a cui si perviene in un mercato in cui l’offerta di capitale monetario è di ammontare esattamente uguale al risparmio corrente.

Il mercato dei capitali, tanto enfatizzato dalla teoria dominante nel momento in cui si discute di tasso di interesse, dunque, è solo uno tra i tanti mercati. È invece possibile definire un tasso di interesse del sistema economico, che misura la più generale struttura delle preferenze temporali. Nel caso dei consumatori, esso definisce la relazione tra consumo e risparmio. Nel caso degli imprenditori, legati agli investimenti, esso misura la propensione al futuro, cioè il desiderio di impegnarsi in progetti a lungo termine nel settore dei beni di investimento, rendendo la struttura della produzione più circolare e il periodo di produzione più lungo, rispetto ad investimenti in beni di consumo e investimenti a più veloce ciclo di realizzo.

In un sistema future-oriented, i consumatori sono maggiormente orientati al risparmio, favorendo l’accumulazione di fondi prestabili che possono essere utilizzati dagli imprenditori in progetti a lungo-termine. Una società present-oriented, al contrario, presenta una maggiore propensione al consumo dal lato dei consumatori, mentre gli investitori non allungano il processo produttivo. Possono sussistere situazioni di equilibrio sia in un sistema ad alta preferenza temporale che nel caso contrario. Non è l’ammontare di uno degli aggregati a definire l’equilibrio, ma la possibilità per le preferenze temporali di incontrarsi attraverso il libero esercizio della funzione imprenditoriale che ogni soggetto esercita quando si relaziona con gli altri soggetti nel processo di soddisfazione di bisogni di diversa natura.

Il livello di equilibrio di una combinazione di preferenze temporali è misurato dal tasso di interesse naturale, cui corrisponde a sua volta una ben determinata struttura del processo produttivo. L’elemento chiave che, alimentando una modifica della struttura intertemporale della produzione, genera un ciclo di espansione e crisi è dato da un cambiamento nel livello del tasso naturale. Secondo la tradizionale visione austriaca, se la matuzione del tasso di interesse naturale riflette un cambiamento delle preferenze temporali, ciò genera un ciclo espansivo positivo, cui non farà seguito una dolorosa crisi (e noi cercheremo di dimostrare che invece una crisi di riaggiustamento è inevitabile). Al contrario, se il tasso, invece che essere naturale e stabilirsi per l’interazione nel libero mercato dell’azione imprenditoriale di diversi individui, è fissato da autorità centrali di pianificazione (tasso monetario), che seguono precetti di politica monetaria o motivazioni politiche, il ciclo espansivo che sarà seguito da un’espansione monetaria produrrà una crisi. Infatti, non vi sarà stata nessuna modifica nel tasso naturale, nessun cambiamento nelle preferenze temporali; la generata modifica della struttura della produzione sarà il risultato di un falso segnale, la manipolazione del tasso monetario generata dalle autorità monetarie.

È dunque cruciale studiare se e come il sistema bancario e le banche centrali agiscono sul tasso monetario, che svolge un ruolo guida, ‘di segnale’, per la definizione delle preferenze temporali degli individui: spesa vs. risparmio per i risparmiatori e beni di consumo vs. beni di investimento per gli imprenditori. In un certo qual modo, possiamo dire che per l’azione delle autorità monetarie gli attori non sono liberi di scoprire liberamente quale sarebbe il tasso naturale, perché sono orientati a guardare ciò che è definito dalle banche centrali.

La politica monetaria è neutrale se «non fa altro che fungere da intermediaria tra risparmiatori e investitori. Se la politica è neutrale, variazioni nell’offerta del credito sono guidate da variazioni nell’offerta del risparmio programmato»[10]. Il che vale a dire che una crescita dei prestiti per investimenti può generare un boom sostenibile solo se essa sarà fondata sull’aumento di risparmio, cioè su maggiori risorse realmente disponibili per gli investitori, capitale reale e non virtuale. Infatti, una situazione di tal sorta corrisponderebbe ad un mutamento della struttura delle preferenze temporali.

L’effetto diretto di una diminuzione delle preferenze temporali è una diminuzione del tasso di interesse sui prestiti e un aumento della quantità dei prestiti offerti. Questo risultato richiede solo che le forze correttive del mercato prevalgano nel mercato dei prestiti. […] Il cambiamento delle preferenze temporali sta semplicemente a significare che l’imprenditore sta svolgendo il suo compito in presenza di un tasso di interesse più basso e di una maggiore disponibilità di credito. Tutto ciò che va detto a questo punto sulla capacità degli imprenditori di adattarsi con successo a queste mutate condizioni del credito è che le forze auto-correttive sono al lavoro: quegli imprenditori che realmente si adattano con successo tenderanno a fare profitti e quindi gestiranno una maggiore quantità di risorse, mentre coloro che non lo faranno tenderanno a subire perdite e quindi perderanno il controllo delle risorse[11].

Al contrario, se il credito viene aumentato in modo artificioso, si creano le premesse per un’espansione malsana, fondata su investimenti errati degli imprenditori, che mettono in atto investimenti sbagliati (malinvestimenti) perché guidati da un prezzo, un tasso, che non riflette la struttura delle preferenze temporali. Il boom malsano sarà seguito necessariamente da una recessione. E, proprio come accade nella fase attuale, «i cicli degli investimenti generalmente finiscono in una crisi creditizia con una simultanea e improvvisa “crisi” finanziaria per molte imprese»[12].

In che modo una siffatta sproporzione tra tasso naturale e tasso monetario può generarsi? In due modi. O il tasso monetario viene spinto da qualcuno al di sotto di quello naturale oppure quest’ultimo si innalza al di sopra del primo. La prima situazione è forse la più facile da immaginare ed è quella normalmente presa in esame da Mises; la banca centrale gioca con il tasso di interesse, credendo nell’automatismo secondo il quale un basso tasso, favorendo gli investimenti, può stimolare un’economia stagnante; in questo l’autorità monetaria è sostenuta di solito da una disinvolta politica del credito da parte degli istituti bancari, che spingono sull’acceleratore creando immensi pacchetti di prestiti-spazzatura, che poi mettono sul mercato, cartolarizzano, cercando di incamerare lauti guadagni e di uscire dal gioco prima che sia troppo tardi. È vero che una tale azione combinata può creare crescita economica, ma virtuale, cui seguirà una recessione violenta, proprio come sta succedendo oggi. È il tipico errore che si manifesta nella teoria economica monetarista.

Vi è però una seconda possibilità, che può presentarsi da sola o combinata a quanto appena visto. Il tasso naturale si spinge al di sopra di quello monetario; è la novità teorica introdotta da Hayek[13]. La situazione è generata da positive aspettative di profitto. Se gli imprenditori, la cui dinamica psicologica è fondamentale in ogni processo economico, sono pervasi da un sentiment positivo, cioè sono convinti di poter iniziare progetti industriali profittevoli, hanno ottime aspettative di profitto, saranno spinti a chiedere maggiore denaro a credito per poter iniziare processi produttivi più lunghi. Hanno dunque mutato le loro preferenze temporali perché essi sono divenuti più future-oriented. Il tasso naturale sale, nel tentativo del processo di mercato di attirare nuovo risparmio per riequilibrare il mutamento delle preferenze temporali, per ora intervenuto solo dal lato degli imprenditori, mentre l’offerta di risparmio non è mutata. In questo caso le banche centrali dovrebbero immediatamente alzare il tasso ufficiale, per allinearlo con la modifica unilaterale della preferenza temporale (sono solo gli imprenditori a domandare più credito, mentre non è cresciuta l’offerta, il risparmio). Così facendo, l’altra parte del mercato, i consumatori, saranno indotti a risparmiare di più, apportando sul mercato le risorse monetarie aggiuntive in grado di incontrare l’accresciuta domanda degli imprenditori e quindi permettendo la partenza di un ciclo di investimenti sanamente fondato. Ciò permette di vedere come un ciclo espansivo possa essere innescato anche a tassi crescenti e non solo in presenza di un basso saggio di interesse. Se invece il riallineamento del tasso monetario rispetto a quello naturale non avviene, cioè ancora il tasso monetario è tenuto artificialmente basso, anche in questo caso si aprirà un ciclo espansivo cui seguirà una depressione.

Articolo di Carmelo Ferlito


Note

[7] Huerta de Soto (2000, p. 102).

[8] Huerta de Soto (2000, p. 102).

[9] Huerta de Soto (2000, pp. 102-103).

[10] O’Driscoll e Rizzo (1985, p. 352).

[11] O’Driscoll e Rizzo (1985, p. 317).

[12] O’Driscoll e Rizzo (1985, p. 363).

[13] Cfr. Hayek (1929, p. 147).