Il ciclo naturale: III parte

III. Incertezza e aspettative

 

business_economic_cycleL’incertezza è uno degli elementi chiave del processo economico. A ben guardare, non possiamo neanche immaginare il sorgere di occasioni di profitto all’infuori di un contesto di incertezza e disequilibrio[14]. Infatti, senza incertezza, tutte le occasioni di profitto sarebbero già esaurite; in un contesto incerto, invece, l’imprenditore in grado di meglio esercitare previsioni, o colui che, per diverse ragioni, riesce meglio a realizzare le proprie aspettative, i propri piani, gode di un vantaggio creato proprio dal fatto di sapersi muovere meglio in un contesto incerto, di sapere ‘immaginare meglio’ il futuro.

Le caratteristiche principali della vera incertezza, non la sua fittizzia rappresentazione neoclassica, «sono l’inerente impossibilità di elencare tutti i possibili risultati derivanti da una serie di azioni e la completa endogeneità di essa»[15]. Se dunque l’incertezza è un elemento endogeno al sistema, una caratteristica intrinseca, esso non può che originare un sistema in continuo mutamento, in cui l’azione umana è guidata principalmente dalle aspettative: sono le aspettative, determinate dalle preferenze, che generano qualsiasi tipo di azione. Tale azione è intrinsecamente incerta, nel senso che nulla, a priori, garantisce che le aspettative siano realizzate.

In un sistema di tal fatta è chiaro che anche l’acquisizione di nuova informazione non può annullare l’incertezza. L’accumulazione di conoscenza, semplicemente, modifica l’incertezza[16]. Il contenuto informativo non è completo, è solo più ricco. Gli elementi per proseguire nell’azione sono mutati, ma non completi. I contorni dell’orizzonte, e quindi l’incertezza rispetto alla forma completa, sono differenti. È dunque chiaro che il ponte teorico tra le preferenze e l’azione è costituito dalle aspettative: i desideri sul futuro e gli scenari che ci si attende si verifichino determinano la nostra possibilità di azione. Come sottolineato da Lachmann (1979, p. 65), l’evoluzione del concetto di preferenze verso quello di aspettative può essere considerata come una delle maggiori innovazioni prodotte dal soggettivismo metodologico nel secolo scorso.

È chiaro che le aspettative non possono essere considerate, come nella teoria neoclassica, un elemento statico, fissato all’inizio della partita e poi immutabile fino all’ottenimento del risultato finale. Al contrario, essendo l’azione umana un processo dinamico che si svolge nel tempo, il bagaglio di informazione degli attori è in continuo mutamento, portando alla modificazione continua delle aspettative, degli obiettivi e dei piani.

L’economista che maggiormente ha approfondito il concetto di aspettative, reinterpretandole in modo dinamico e inserendole all’interno del paradigma teorico austriaco, è Ludwig M. Lachmann. Riconoscendo a Keynes l’importante funzione di aver introdotto in modo organico il concetto di aspettative con il Trattato della moneta (1930), e rifacendosi al contributo di Shackle, Lachmann intende inserire il suo apporto completamente all’interno della tradizione austriaca, pur con i dovuti distinguo. In particolare, egli considera un’occasione mancata, per gli austriaci, quella di inserire in modo organico le aspettative all’interno della propria riflessione.

 It is a curious fact that, when around 1930 (in Keynes’s Treatise on Money) expectations made their appearance in the economic thought of the Anglo-Saxon world, the Austrians failed to grasp with both hands this golden opportunity to enlarge the basis of their approach and, by and large, treated the subject rather gingerly [17].

A dire il vero, la critica di Lachmann appare sin troppo severa. Hayek (1929, p. 147) già riconosce il ruolo centrale delle aspettative quando sostiene che positive aspettative di profitto possono guidare gli imprenditori a mutare le proprie preferenze, diventando maggiormente future-oriented, e portando quindi ad un innalzamento del tasso di interesse d’equilibrio. Tale passo sarà centrale anche nel fondamentale Hayek (1933); ancora, Hayek nel 1937 tratta dettagliatamente del problema della conoscenza[18].

Tuttavia Lachmann vuole essere più radicale, riconoscendo ad Hayek di aver trattato il problema delle aspettative proprio dove anche noi lo abbiamo trovato, ma ‘accusandolo’ di non aver lavorato adeguatamente con le cause e le conseguenze che una divergenza nelle aspettative può generare[19]. L’economista tedesco fa dunque suo il concetto shackleiano di kaleidic society, «a society in which sooner or later unexpected change is bound to upset existing patterns, a society “interspersing its moments or intervals of order, assurance and beauty with sudden disintegration and a cascade into a new pattern”»[20].

Le aspettative sono dunque il marchio distintivo di una società formata da attori reali, che, a partire proprio da esse e in un contesto di incertezza, formano i propri piani per il futuro, incontrandosi, modificando la conoscenza e i piani stessi. Ciò genera il mondo caleidoscopico, un mondo in cui il mutamento è la costante.

In una società caleidoscopica, inoltre,

the equilibrating forces, operating slowly, especially where much of the capital equipment is durable and specific, are always overtaken by unexpected change before they have done their work, and the results of their operation disrupted before they can bear fruit. […] Equilibrium of the economic system as a whole will thus never be reached[21].

Le aspettative, originate dalle preferenze e generando i piani, generano i processi economici[22]. Esse poi si modificano nel corso del processo. Con l’accumulazione di conoscenza lo scenario cambia continuamente. E, si badi, le aspettative non sono qualcosa di ‘campato per aria’; senza di esse non v’è azione economica in sé; è a partire da aspettative che ogni decisione viene intrapresa, nel tentativo di ottenere un guadagno, una soddisfazione. Purtuttavia, questi tentativi si manifestano in un contesto di conoscenza imperfetta e futuro imprevisto e imprevedibile[23].

Articolo di Carmelo Ferlito



Note

[14] Rizzo (1979, p. 10).

[15] O’Driscoll e Rizzo (1985, p. 159).

[16] O’Driscoll e Rizzo (1985, pp. 163-164).

[17] Lachmann (1976, p. 58).

[18] Hayek (1937).

[19] Lachmann (1976, p. 58).

[20] Lachmann (1976, p. 54).

[21] Lachmann (1976, pp. 60-61).

[22] Come dice Hicks (1979, p. 284), «production will not be undertaken unless expectations are formed».

[23] Lachmann (1982).