Le interferenze coercitive – II parte

Spesa pubblica e legislazione

 stemma misesCon le risorse prelevate coercitivamente dai privati lo Stato effettua una serie di spese: paga gli stipendi dei funzionari pubblici, acquista beni (tavoli, penne, carta, termometri ecc.) necessari per l’erogazione di servizi pubblici, effettua trasferimenti a individui. La spesa pubblica può essere suddivisa in due grandi categorie: trasferimenti e impiego di risorse (es. imprese pubbliche). Nei primi lo Stato sussidia privati individui che decidono autonomamente come impiegare quelle risorse; nei secondi i beni e le risorse sono usate direttamente dallo Stato per produrre beni o servizi.

L’altro grande strumento di interferenza statale nell’economia è rappresentato dalla normazione, costituzionale, primaria e secondaria, che può modificare l’allocazione delle risorse senza intermediare queste direttamente, come invece avviene nella modalità precedente, caratterizzata dalla sequenza prelievo-spesa pubblica.

 Efficienza

 L’intervento statale qui analizzato si origina dalla premessa secondo cui il mercato in alcune circostanze non sarebbe in grado di allocare le risorse nella maniera più efficiente, realizzando quantità prodotte subottimali (in difetto o in eccesso), danni ai beni ambientali, monopoli, consumi distorti, asimmetrie informative.

Per affrontare i primi due aspetti è opportuno esaminare preliminarmente il concetto, proposto dalla teoria convenzionale, di esternalità. L’esternalità è l’effetto esterno (positivo o negativo) che l’azione di un soggetto fa ricadere su altri soggetti. Esempi di esternalità negative sono l’inquinamento, i fumi, i rumori, una malattia contagiosa; esempi di esternalità positive sono i ‘beni pubblici’, o un bosco che diffonde aria pulita in una vallata o evita l’erosione del suolo. Nel caso delle diseconomie esterne vi sono costi non pagati dal produttore, e dunque l’attività produttiva non sarebbe ottimale, ma superiore a quella ottimale. In caso di economie esterne, vi sono benefici non retribuiti al produttore che li ha generati, e dunque la produzione sarebbe sub-ottimale, cioè inferiore a quella che apporta il massimo benessere.[1]

 Beni pubblici (o collettivi)

I public goods sono i beni la cui utilità è goduta collettivamente, non individualmente, cioè sono caratterizzati – definizione di Samuelson (1954) – da non-escludibilità (non posso escludere un’altra persona dal godimento del bene) e da non-rivalità (non ho interesse a escludere un’altra persona dal consumo, perché la sua utilizzazione non riduce la mia; detta anche “indivisibilità”) [2]. Esempi: giustizia, ordine pubblico, difesa, servizio antincendio, fari. Secondo la teoria prevalente, questi beni o servizi non possono essere divisi in dosi di dimensioni variabili, come avviene per un qualsiasi bene tangibile (es. il pane), perché, una volta che sono attivati, vengono goduti automaticamente da tutti. Un esempio classico è rappresentato da una macchina della polizia che pattuglia un isolato; tutti coloro che abitano in quella sezione di territorio sono automaticamente protetti dal servizio predisposto, godendo ad esempio dell’effetto di deterrenza nei confronti di eventuali scippatori o ladri di appartamenti. Anche volendo, un residente non potrebbe sottrarsi alla fruizione del servizio, che si estende necessariamente (“effetto esterno” non circoscrivibile) ad una data area spaziale[3].

A causa di tale caratteristica, secondo la teoria prevalente il finanziamento dei beni pubblici dovrebbe essere coercitivo, altrimenti può insorgere il problema del free rider: data la non escludibilità dal godimento del bene, ne usufruiranno anche coloro che non pagano; dunque il finanziamento volontario non funzionerebbe, perché ogni individuo avrebbe l’incentivo a non pagare, a fare lo “scroccone”, sapendo che godrà ugualmente del servizio pagato dagli altri. In aggiunta, nessuno vuole trovarsi nella condizione del “babbeo” (sucker), contribuendo mentre altri fruitori non contribuiscono[4]. L’esito è che il bene, per carenza di risorse, o non sarebbe fornito (incassi inferiori al costo di produzione) o sarebbe fornito in quantità subottimali, cioè minori di quanto servirebbe. Gli incentivi al guadagno non sarebbero sufficienti a indurre gli agenti privati a fornire i beni collettivi. Da qui la conclusione: i beni pubblici devono essere forniti dallo Stato attraverso l’imposizione fiscale.

Critiche

1) Tutti i beni definiti “pubblici” sono in realtà divisibili. Nel senso che non esiste un’entità assoluta, una quantità fissa di un bene, ad esempio la protezione, fornita dallo Stato a tutti, come non esiste un bene assoluto chiamato “cibo” o “vestiario”. Un elemento ineliminabile dell’esistenza umana è che gli individui vivono in uno spazio tridimensionale sulla superficie della terra. Un bene produce effetti esterni su un determinato spazio fisico, e non su un altro, e all’interno dello spazio fisico su cui ha effetti, incide in misura maggiore in alcune zone e minore in altre. Ciò significa che anche per i beni summenzionati esiste escludibilità e rivalità. Ad esempio, relativamente all’escludibilità: le guardie giurate che proteggono una banca possono non intervenire contro il ladro che deruba un negozio che non è loro cliente; dunque è possibile escludere (in questo caso il titolare del negozio) dal servizio della protezione. Rivalità: se un poliziotto pattuglia un quartiere non ne può pattugliare un altro; dunque c’è rivalità nel consumo, perché io ho interesse a che il poliziotto pattugli il mio quartiere e non quello limitrofo, altrimenti il servizio prestato a me si riduce. Questo significa che, nei fatti, ci sono gradi praticamente infiniti di protezione: da un poliziotto solo che pattuglia un intero quartiere a più guardie del corpo personali attive ventiquattro ore su ventiquattro, il che evidenzia la divisibilità del servizio. Anche riguardo alla difesa nazionale, talvolta considerata un bene pubblico “puro”, la maggior parte degli strumenti non difende l’intero territorio nella stessa maniera: un sottomarino che pattuglia l’Oceano Pacifico orientale protegge la California molto più di Boston. D’altra parte, la difesa dev’essere divisibile: se non fosse così, essa, una volta predisposta, difenderebbe anche il territorio del nemico; invece è possibile limitarla al territorio che interessa[5].

Allora, se non esiste una quantità assoluta, ma quantità concrete, è possibile realizzare una quantità ottima di tali beni sulla base delle leggi della domanda e dell’offerta[6].

2) Per quanto riguarda la non perfetta coincidenza fra acquirente e beneficiario, che determinerebbe il problema del free rider (vengono beneficiate persone che non pagano), si fa notare che tantissime attività private beneficiano indirettamente soggetti diversi dagli acquirenti, eppure i sostenitori dell’esistenza dei beni pubblici non ne reclamano un finanziamento coercitivo (e ciò non comporta il venir meno dell’attività); in sostanza, come per primo notò il filosofo ed economista Rothbard, non si vede perché le esternalità positive debbano rappresentare un problema sociale. Esempi: a) la vista del giardino del mio vicino potrebbe darmi piacere, ma devo essere tassato per questo, anche se non è un servizio che ho chiesto esplicitamente? Il giurista R. Barnett propone un esempio simile: la vista di un campo da golf da una finestra della sua abitazione. Nonostante egli traesse piacere da quella vista, il circolo di golf non gli ha mai chiesto il pagamento di una somma di denaro. Le quote pagate dai soci erano sufficienti per l’attività del circolo, cioè per la produzione e l’utilizzazione del bene. Tra l’altro, il mercato riesce a incorporare la maggiore o minore gradevolezza di un luogo, attraverso il prezzo (o il canone d’affitto) più alto o più basso dell’abitazione che in esso si trova. b) Tutti noi che viviamo nel momento presente godiamo della grande accumulazione di beni, invenzioni e idee realizzata dai nostri antenati, senza la quale vivremmo in una giungla primitiva.[7] c) Altri esempi di benefici (esternalità positive) non pagati sono l’effetto del deodorante utilizzato da una persona per gli altri passeggeri di un autobus, o la musica goduta da coloro che non mettono i soldi nel cappello dei musicisti di strada, o le bellezze architettoniche di una città, o il piacere estetico generato negli uomini dalla cosmesi delle donne; tuttavia nessun economista suggerirebbe di costringere i soggetti beneficiati in tutte queste circostanze a pagare i produttori. d) W. Block ha ironicamente osservato che anche un bene privato come un paio di calze produce effetti esterni: se un individuo non le indossa d’inverno può raffreddarsi, dunque non lavorare e quindi contrarre la produzione nazionale, oppure può contagiare altre persone che lo frequentano. Tutti questi esempi dimostrano che il problema del free-rider è in realtà molto meno importante di quanto la teoria prevalente non suggerisca, perché, paradossalmente, esso è molto diffuso nel mondo reale. Insomma, l’argomento del free rider è un argomento che “prova troppo”. In sostanza, non tutte le esternalità devono essere pagate, ma solo quelle che un individuo ha espressamente richiesto (sul mercato), “rivelando” le sue preferenze.

3) Il grado di privatezza o pubblicità dei beni è dato dalle circostanze, dalle valutazioni e dalle preferenze degli individui, che sono mutevoli: secondo l’esempio di Hoppe, un bene giudicato privatissimo come il colore delle mie mutande può diventare un bene pubblico nel momento in cui qualcuno comincia a interessarsene; mentre un bene considerato pubblico come il colore della facciata della mia casa può diventare privato nel momento in cui gli altri smettono di interessarsene.

4) L’utilità tratta dagli individui non è misurabile, dunque lo Stato non ha strumenti per conoscere quanto beneficio ciascuno trarrebbe dai beni e quindi il corrispondente ammontare di tassa da pagare. Oppure, quello che per lo Stato è un “bene”, per uno o più persone può essere un “male” (es. le spese per la difesa per un pacifista). In teoria si dovrebbe chiedere ad ogni persona il suo atteggiamento nei confronti di ogni bene, per sapere se deve finanziarlo o no. Ma sarebbero costi di transazione giganteschi; inoltre la persona potrebbe mentire; infine i gusti cambiano, dunque questa indagine dovrebbe essere continua, ma ciò impedirebbe in pratica di prendere qualunque decisione.[8]

Dunque è impossibile qualunque criterio oggettivo di distinzione fra beni privati e pubblici sulla base di particolari caratteristiche tecniche o fisico-chimiche del bene.

5) La maggior parte dei beni pubblici ha una base territoriale, il che compromette la caratteristica della non-escludibilità. Il proprietario di una data area territoriale infatti può controllarne l’accesso, e può quindi incorporare il costo dei beni pubblici nel prezzo richiesto ai residenti, in particolare nei canoni. In tal caso non si pongono problemi di free riding. Esempi: comprensori tipo Olgiata o Casalpalocco, condominî[9], club sportivi, centri commerciali, campeggi, parchi tematici[10], private town[11].

6) Si parte dal pregiudizio che i privati, a seguito dell’esistenza di elevati costi di transazione (fare incontrare e accordare un elevato numero di persone), volontariamente non contribuirebbero, o non contribuirebbero in maniera sufficiente. La tesi convenzionale, come si è visto, ritiene che la condizione di “babbeo” sia indiscutibilmente preclusiva del contributo. Ma l’evidenza empirica è di tutt’altro segno. Se un bene è importante gli individui si accordano e contribuiscono anche sapendo che ci sono alcuni free rider[12]. L’esistenza di free-rider nella realtà è diffusissima, eppure non impedisce quasi mai la produzione e l’offerta dei beni caratterizzati da non-escludibilità. Il contributo volontario alla fornitura di un bene non escludibile può avvenire per diversi motivi, di segno egoistico o altruistico: ad esempio per senso di giustizia; o a causa del boicottaggio sociale che deriverebbe da un comportamento opportunistico; o dal desiderio di accettazione e integrazione in una data comunità; o per “simpatia” smithiana. Esempio: le luminarie di Natale nei quartieri, spesso finanziate dai commercianti della zona; il fatto che alcuni commercianti non contribuiscano non induce gli altri a non contribuire. Se la pervasività del free riding non si determina per un bene non primario, ancora minore sarà la sua incidenza per beni considerati più urgenti, come la protezione o il servizio antincendio. La tesi del fallimento di mercato parte da un presupposto erroneo, che gli individui o i nuclei familiari siano atomistici, unità isolate che non comunicano; ma non è così: in vista del soddisfacimento di un bisogno, gli individui intraprendono contatti reciproci e iniziative.

I punti 5) e 6) dimostrano che, volendo ammettere l’esistenza di beni pubblici, non si vede perché tali beni debbano essere fornito dallo Stato, e non da un’impresa privata, in grado di esprimere una struttura di governance (organizzazione interna) ed economie di scala efficienti.

7) L’evidenza storica mostra che tutti i beni oggi definiti (spesso erroneamente) pubblici e monopolizzati dallo Stato in passato erano offerti da privati: la giustizia, la protezione[13], l’istruzione[14], il servizio postale, le strade[15], i fari[16]. Ed attualmente servizi giurisdizionali o di protezione sono offerti da privati o gestiti privatamente: le polizie private (vigilantes), le guardie del corpo[17], le scorte, le agenzie di investigazione, gli impianti antifurto, le sbarre alle finestre, i cani da guardia, la detenzione di armi, le cassette di sicurezza, le assicurazioni, la giustizia civile (arbitrati e transazioni, es. American Arbitration Association, o la London Commercial Court per le controversie fra parti appartenenti a paesi diversi)[18], le carceri. Non c’è un solo bene pubblico che non sia stato o non sia offerto da privati.

Si dice che la difesa è un “fallimento del mercato”; ma intanto la storia anche recente evidenzia solo i fallimenti dello Stato in questo settore: Pearl Harbour, l’11 settembre. Lo stesso vale per l’ordine pubblico: la percentuale di reati non perseguiti sul totale è altissima.[19]

Piero Vernaglione
Tratto da Rothbardiana
Link alla prima parte

Note

[1] Al concetto di esternalità quale premessa di un intervento di rettifica può essere rivolta la già esaminata obiezione sull’impossibilità di un calcolo oggettivo dell’utilità (benefici) o della disutilità (costi), entità soggettive e non misurabili. Per la scuola Austriaca le uniche esternalità (negative) sono quelle derivanti da un’invasione fisica della proprietà altrui, come ad esempio accadrebbe se il mio vicino gettasse la sua spazzatura nel mio giardino.

[2] Il termine “pubblici” dunque non significa “di proprietà dello Stato”, ma l’equivoco è frequente; anche perché, nella letteratura economica, l’espressione “beni pubblici” spesso si riferisce al sottoinsieme dei beni collettivi costituito dai beni forniti dallo Stato.

[3] Spesso vengono erroneamente inseriti in tale categoria beni che non possiedono entrambe le caratteristiche della non-escludibilità e della non-rivalità. Ad esempio le strade mancano di entrambi i requisiti, perché, oltre ad esistere rivalità nel consumo determinata dalla caratteristica della “congestionabilità” (il traffico ne è un tipico esempio), è possibile anche l’escludibilità, cioè la possibilità di selezionare a piacere attraverso sbarre o pedaggi. Un altro bene è il segnale televisivo, che è caratterizzato da non-rivalità (il fatto che una persona veda un programma non riduce la possibilità per un’altra di vedere lo stesso programma), ma è escludibile: si pensi agli strumenti tecnologici di crittazione del segnale oggi utilizzati dalle pay tv, che consentono di escludere singoli individui dalla visione di un programma televisivo. Anche la ricerca non è un bene pubblico: infatti coloro che vogliono godere dei frutti della ricerca pagano acquistando i libri, le pubblicazioni ecc. che la contengono, mentre chi non paga è escluso dalla conoscenza e apprendimento delle nuove idee; inoltre i proprietari di brevetti possono escludere gli altri dalla produzione dei frutti delle ricerche.

[4] Nei termini della teoria dei giochi, è il caso del “dilemma del prigioniero” in cui ogni individuo ha un incentivo a non cooperare, anche se potrebbe esservi un guadagno collettivo nell’ipotesi di cooperazione.

[5] Anche relativamente a beni per i quali non si mette in discussione la loro natura collettiva grazie ad un’esternalità non circoscrivibile, come un monumento o la facciata di un palazzo esteticamente gradevoli, l’elemento spaziale rende tali beni congestionabili. Come ha osservato M. Gaffney (1968), «un paio di occhi in più che ammirano una cascata non va a diminuirne la bellezza, ma il proprietario di quegli occhi occupa una piazzola di campeggio e una sede stradale, risorse limitate che devono essere razionate». Inoltre, «se le cascate Yosemite rispettassero veramente i criteri di bene pubblico – nessun costo marginale – allora una singola cascata dovrebbe soddisfare il mondo intero. […] Ma le cascate servono uno spazio limitato, e l’accesso è razionato dal controllo di tale spazio».

[6] Quando gli economisti parlano di quantità “ottimale” (che lo Stato garantirebbe e il mercato no), non indicano mai il criterio oggettivo in base al quale si possa stabilire tale ottimalità. Una “funzione del benessere sociale” è impossibile (teorema dell’impossibilità di Arrow) perché i valori sono soggettivi, dunque una scala di valori sociali non esiste e qualunque metodo di derivazione di tale funzione è arbitrario e dunque dittatoriale.

[7] Questo argomento viene utilizzato dagli esponenti del collettivismo metodologico e dai redistributivisti per attenuare o confutare la legittimità dei guadagni personali, soprattutto quando sono di grande entità, giustificando il trasferimento dei redditi alla “collettività” e, con un salto logico, allo Stato. Se il merito di ciò che si è riusciti a realizzare è dovuto, in misura più o meno grande, all’ambiente in cui si vive – al contesto infrastrutturale, culturale, istituzionale – allora non si ha titolo ad appropriarsi di tutti i frutti dei propri sforzi, iniziative e invenzioni; quei frutti vanno condivisi. L’errore in tale ragionamento è duplice: 1) il fatto che l’essere umano tragga un vantaggio enorme dalle interazioni con gli altri, dalla socialità (senza di essa qualsiasi individuo non avrebbe a disposizione nemmeno il linguaggio per esprimere i concetti, oltre alle conoscenze sviluppatesi in tutta la storia umana precedente) non significa che egli sia deterministicamente una semplice e passiva espressione o derivazione del “tutto” sociale. Se fosse così, non si potrebbero spiegare le innumerevoli situazioni in cui individui specifici, rielaborando le idee ricevute, hanno prodotto grazie alla propria individualità nuove idee e progressi nei vari campi del sapere e della tecnologia. Il collettivismo «nega che gli individui possano formarsi idee per proprio conto, governare le proprie vite alla luce di tali idee e essere responsabili dei risultati di esse. […] Sebbene noi siamo esseri sociali, vi è una insopprimibile individualità delle nostre vite, e per la nostra realizzazione ciò implica che dobbiamo poter essere sovrani delle nostre vite» (T.R. Machan, Libertarianism, For and Against, Rowman & Littlefield, Lanham, Maryland, 2005, p. 68). 2) Il secondo errore consiste nel salto logico di identificare nei trasferimenti coercitivi dell’imposizione fiscale i canali che ripristinano una condizione di giustizia, risarcendo chi davvero ha contribuito alla ricchezza complessiva. Ma «le imposte non sono lo strumento per rimettere alla società i nostri debiti. Se lo fossero, probabilmente alcuni di noi più che al paese in cui vivono dovrebbero mandare un assegno mensile al professore di liceo che per primo ha visto in loro del talento, devolvere quote del proprio reddito per mettere fiori sulla tomba della nonna che per prima li ha accompagnati al pianoforte, inviare i propri ringraziamenti alla famiglia di Charles Darwin o a quella di Guglielmo Marconi» (A. Mingardi, L’intelligenza del denaro, Marsilio, Venezia, 2013, p. 213). Inoltre, i benefici che il soggetto ha ricevuto dalle generazioni precedenti e dai contemporanei non erano stati da lui richiesti.

[8] Per gli stessi motivi la celebrata analisi costi-benefici di fatto è impossibile. Se i costi e i benefici sono espressi in termini di utilità, essi non sono misurabili e confrontabili; gli eventi futuri non sono prevedibili e quantificabili (quante persone moriranno senza la cintura di sicurezza in automobile?); infine, se costi e benefici sono espressi in termini monetari, non si capisce come assegnare il valore di alcuni eventi in unità monetarie (quanti euro vale aver salvato la vita dell’automobilista?).

[9] Come Fort Ellsworth in Virginia.

[10] Ad esempio Disneyworld in Florida, che copre un area di 116 km2 a sud-est di Orlando.

[11] Come Arden nel Delaware o Reston in Virginia.

[12] Nei termini della teoria dei giochi svolta da de Jasay: per i teorici dei beni pubblici il risultato “fare il free rider e non avere il bene pubblico” è preferita al risultato “avere il bene pubblico ma risultare babbeo”. Ma per de Jasay la struttura degli incentivi può essere tale da far preferire per prima sempre la scelta da free rider, ma di preferire la scelta da babbeo a quella di trovarsi senza il bene pubblico. A. de Jasay, Social Contract, Free Ride: A Study of the Public Goods Problem, Clarendon Press, Oxford, 1989.

[13] Negli Stati Uniti e in Gran Bretagna la polizia pubblica viene imposta solo a partire dalla metà dell’Ottocento, e a fronte di notevoli resistenze da parte della cittadinanza: cfr. T.A. Ricks, B.G. Tillett,  C.W. Van Meter, Principles of Security, Criminal Justice Studies, Anderson Publishing Co., Cincinnati, 1981, p. 5; F. Morn, The Eye that Never Sleeps, University Press, Bloomington, Ind., 1982, p. 8.

[14] High e Hellig (1998) hanno dimostrato che in Gran Bretagna e negli Stati Uniti l’istruzione veniva fornita in forma privata e su larga scala prima che i governi la soppiantassero.

[15] Oggi negli Stati Uniti strade private esistono in molte comunità, in particolare a St. Louis, nel Missouri. Il finanziamento tramite tariffe sul passaggio e parcometri è più efficiente rispetto al finanziamento tramite fiscalità generale.

[16] I fari dei porti (lighthouses) hanno rappresentato l’esempio di bene collettivo più utilizzato dagli economisti (Mill, Samuelson, Arrow, Buchanan, Heilbroner, Thurow). Ma in Inghilterra dal ‘600 all’800 i fari erano gestiti da privati, che riscuotevano quando le imbarcazioni attraccavano al porto, e in relazione alla rotta seguita.

[17] Negli Stati Uniti oggi i poliziotti privati sono il doppio di quelli pubblici, un chiaro sintomo dell’insufficienza e dell’inefficienza della polizia statale.

[18] Negli Stati Uniti circa il 75% delle controversie commerciali sono definite tramite arbitrato privato o mediazione.

[19] Su questo aspetto i dati riguardanti i vari stati del mondo configurano una vera e propria bancarotta nella capacità di fornire protezione ai cittadini. In Italia nel 2011 i furti non puniti sono stati pari al 97,4% del totale, gli omicidi il 60%, le rapine l’80%. Un processo civile dura in media sette anni, uno penale cinque (dati ministero della giustizia 2012).