Decentralizzare la fiducia

Sulla scia della Global Financial Crisis (GFC) del 2008, uno
sviluppatore o un gruppo di sviluppatori anonimi, noto solo come
Satoshi Nakamoto, ha inventato la tecnologia blockchain. Il primo
database completamente distribuito che combina networking
peer-to-peer, crittografia a chiave pubblico-privata e firme
digitali.

Nakamoto ha utilizzato la tecnologia blockchain
per costruire una valuta digitale decentralizzata globale – Bitcoin –
che ha completamente eliminato la necessità di intermediari e ha
consentito alle persone di inviare e ricevere qualsiasi importo di
denaro in qualsiasi regione geografica quasi in tempo reale.
Contrariamente a fare affidamento su banche, stanze di compensazione
o scambi esteri per facilitare le transazioni, Bitcoin si è affidato
esclusivamente al protocollo blockchain per eseguire transazioni e
stabilire una fiducia tra le parti interessate.

Negli ultimi 10 anni, la tecnologia blockchain
è stata utilizzata per sviluppare un’intera serie di nuove
criptovalute. Da Ethereum a Litecoin, Ripple e Zcash, le criptovalute
hanno iniziato a uscire dal mondo del “tecnico-evangelista”
e si stanno facendo strada in quello commerciale. Tuttavia, come ha
sottolineato la giornalista del Financial Times Sally Davies, la
valuta è solo una delle molte applicazioni che possono essere
costruite usando questa tecnologia.

Blockchain è per Bitcoin
ciò che internet è per email.” Un grande sistema elettronico,
in cima al quale è possibile creare applicazioni. La valuta è solo
una. “-
Sally Davies, giornalista di tecnologia, Financial
Times.

Quando Nakamoto sviluppò la blockchain e
costruì Bitcoin sulla sua infrastruttura, fece più che
semplicemente creare una nuova valuta, creò un sistema su cui
informazioni preziose e importanti potevano essere trasferite in modo
sicuro e affidabile tra una rete peer-to-peer. L’informazione che
viene trasferita è quasi irrilevante, in quanto può essere
qualunque cosa gli utenti di una rete blockchain (nodi) vogliano che
sia. Ciò che è importante è che possono condividerli, interagire
con esso e ricavarne risultati reali in un modo che garantisca la
fiducia senza richiedere il monitoraggio da parte di terzi.

Comprensibilmente, questo nuovo modo di
interagire ha molti gruppi diversi in tutti i livelli della società,
sia ansiosi che eccitati.

Capire la Blockchain

Per comprendere la blockchain, è necessario pensare alla
tecnologia come a uno strumento di archiviazione delle informazioni.
Nella sua forma più semplice è tutto ciò che la blockchain è; una
tecnologia che aiuta gli utenti a memorizzare le informazioni.
L’interesse per la blockchain non risiede tanto nel fatto che può
memorizzare informazioni, ma piuttosto nel modo in cui tali
informazioni vengono aggiunte, convalidate e sigillate.

Quando parliamo di tecnologie che ospitano
informazioni, di solito le definiamo come database. Le scuole hanno
database pieni di dettagli sui loro studenti, genitori e insegnanti;
le aziende dispongono di database di dipendenti con informazioni
sugli stipendi, i parenti prossimi, i dettagli del conto bancario e
le strutture di segnalazione. Quando il tuo datore di lavoro ti paga
il tuo stipendio, trasferiscono le informazioni di pagamento da un
database (libro paga) a un altro database (il tuo conto bancario)
tramite un intermediario (una banca).

Mentre ci sono molti database diversi che
memorizzano diversi tipi di informazioni, fino ad ora, i database di
maggior successo hanno avuto un elemento cruciale in comune: sono
stati tutti posseduti da qualcuno.

Oltre a ciò che possiamo possedere
fisicamente, tutto il resto che possediamo viene fatto in uno spazio
affittato. Quando paghi le spese di gestione del conto, paghi
l’affitto alla banca per archiviare in modo sicuro le tue
informazioni finanziarie, allo stesso modo, quando carichi le foto
delle vacanze su Facebook, paghi l’affitto – sotto forma di dati
pubblicitari – per la gioia di far sapere ai tuoi amici quanto è
bella la tua vita. Con l’avvento del cloud computing, molti di noi
archiviano quasi tutti i nostri dati personali sul database
centralizzato di qualcun altro.

Come perfettamente illustrato dai recenti
scandali di Facebook o dal disastroso attacco
informatico di Equifax
svoltosi lo scorso anno, il rischio
maggiore associato ai database centralizzati è che forniscono un
singolo punto di attacco per gli attori malintenzionati. Una volta
che un database è stato violato, è abbastanza facile che le
informazioni vengano rubate, alterate o fabbricate. A volte queste
violazioni sono facili da rilevare, altre volte, tuttavia, a causa
della quantità di fiducia che un proprietario del database potrebbe
aver costruito per un lungo periodo di tempo (si pensi a Bernie
Madoff) queste violazioni possono passare inosservate per anni.

Questo, in sostanza, è il problema che la
blockchain aspira a risolvere. Come si crea un database affidabile e
sicuro, ma non si basa sulla competenza o sulla bontà di un singolo
individuo o organizzazione?

La risposta sta nella natura decentralizzata
del database blockchain. Piuttosto che una singola entità è
responsabile dell’accuratezza e della sicurezza delle informazioni,
blockchain distribuisce tale responsabilità tra una vasta rete
multinazionale di computer e utenti.

Ogni singolo individuo che unisce una
blockchain (un database) riceve una copia dell’intero libro mastro,
cioè l’intera informazione storica memorizzata nel database. Dato
che tutti quelli che usano la blockchain possiedono una copia
completa del database, nessuno lo fa (se tutti noi siamo Spartacus,
nessuno di noi lo è). Quindi, se si verificano discrepanze tra la
mia versione del libro mastro e il tuo, sai che qualcosa è andato
terribilmente storto quasi immediatamente. La trasparenza di
Blockchain è il motivo per cui viene definito un libro mastro
pubblico decentralizzato. È disponibile per tutti sulla blockchain e
verificabile da chiunque abbia una connessione internet.

Tutti quelli che possiedono una copia del libro
mastro spiegano il perché questa tecnologia memorizza in modo
affidabile e sicuro le informazioni. Le altre due componenti sono la
crittografia a chiave pubblica-privata e il meccanismo con cui viene
raggiunto il consenso.

Mentre le dorsali tecniche della crittografia a
chiave pubblica-privata sono incredibilmente complicate, il modo per
capire come vengono utilizzate non lo è. Prendiamo, ad esempio, uno
scenario in cui Matilda voleva inviare informazioni sensibili a
Matthew. Sulla blockchain, ogni individuo riceve una chiave privata e
pubblica. Pensa a queste chiavi come a indirizzi email; la chiave
pubblica è il tuo indirizzo e-mail che tutti sulla blockchain
possono vedere e la chiave privata è la tua password unica che solo
tu puoi vedere e utilizzare per accedere a quei messaggi che ti sono
stati inviati.

Quando Matilda vuole inviare informazioni a
Matthew, tutto ciò che deve fare è crittografare tali informazioni
usando la sua chiave privata e la chiave pubblica di Matthew. Quando
Matthew riceve le informazioni crittografate, può accedere (o meglio
decrittografarle) usando la sua chiave privata. In parole povere,
quando Matilda crittografa un messaggio con la chiave pubblica di
Mathew, solo la chiave privata di Matthew può decodificarlo, allo
stesso modo se un messaggio è crittografato con la chiave privata di
Matilda, solo la chiave pubblica di Matilda può decodificarlo.
Questa combinazione di chiavi pubbliche e private non solo assicura
che le informazioni vengano inviate alla persona giusta in modo
sicuro, ma agisce anche come una firma digitale.

Semplicemente essere in grado di inviare informazioni avanti e indietro in modo sicuro, tuttavia, non impedisce a qualcuno sulla blockchain di inviare lo stesso bit di informazioni a varie persone più e più volte. Se inviamo criptovaluta (C), ad esempio, Matilda potrebbe inviare Matthew 10C e poi inviare lo stesso 10C a Jenny. Entrambi i messaggi vengono inviati in modo sicuro, ma invece di Matilda affermando onestamente che ha effettivamente speso 20C, Matthew e Jenny controlleranno il loro libro mastro e pensano che Matilda abbia appena spento 10C. Questo problema è chiamato doppia spesa, ed è una delle questioni più importanti che le organizzazioni come banche e fornitori di servizi finanziari, come Visa o Mastercard, regolano.

Con blockchain, piuttosto che con una banca o con un fornitore di
servizi finanziari che regola la doppia spesa, è la rete stessa che
regola questo problema. Come? Trasmettendo ogni transazione che ha
luogo al resto della rete ogni volta che si verifica una transazione.
Nel caso di Bitcoin, ad esempio, poiché tutti gli utenti della rete
hanno l’intera cronologia delle transazioni, il libro mastro di tutti
viene aggiornato con nuove transazioni non appena vengono eseguite.
Se Matilda aveva solo 10C per cominciare, e lei spende quel 10C due
volte per pagare sia Matthew che Jenny, l’intera rete vedrà entrambe
le transazioni, noterà che Matilda ha speso 20C e non 10C e sa che
quella particolare transazione non è valida. Quindi, dopo che ogni
transazione è stata firmata, i membri della rete blockchain ne
verificano la validità e aggiornano i loro registri. Tutte le
transazioni sono disponibili per essere visualizzate o controllate da
chiunque all’interno della rete.

Ora che abbiamo aggiunto e convalidato le
informazioni sulla blockchain, abbiamo bisogno di un modo per
sigillare tali informazioni in modo che non possano essere manomesse
nelle settimane, nei mesi o negli anni a seguire. Se hai letto
qualcosa su Bitcoin o blockchain, saprai che la sua caratteristica
principale è la sua immutabilità.

Il modo in cui le informazioni sono sigillate
su una blockchain è ciò che ha dato origine al suo nome. Se
continuiamo ad utilizzare Bitcoin come esempio, ogni transazione che
ha luogo è indicizzata secondo la data in cui è stata effettuata e
memorizzata in un blocco. Ogni singolo blocco è collegato al blocco
precedente (riconducendo completamente al primo blocco, cioè al
blocco di genesi) creando una catena di blocchi. In Bitcoin, è il
trasferimento di criptovalute che viene memorizzato nel blocco,
tuttavia, può facilmente essere qualsiasi altro tipo di
informazione, come la volontà di qualcuno o un contratto.

Per mantenere l’integrità, la cronologia e la
validità di ciascun blocco, su di esso sono memorizzate tre
informazioni: un hash, che può essere considerato come un
identificativo univoco, come un codice a barre o un’impronta
digitale, l’hash del blocco precedente e il informazioni
transazionali reali, nel nostro caso, la Matilda del 10C inviata a
Matthew. Quindi, per motivi di semplicità, pensa a questo processo
in questo modo:

Supponiamo che l’interazione di Matilda e di
Matteo sia la prima a verificarsi sulla blockchain, quindi è il
blocco di genesi. L’hash del loro blocco sarà hashABC123 e non sarà
collegato a nessun blocco precedente perché è il primo.

Ora che Matthew ha la 10C di Matilde, la invia
a Jenny. Questo nuovo blocco contiene ora tre informazioni:

1. L’hash (identificativo univoco) di Matilda e
la sua transazione: hashABC123

2. Le informazioni della transazione: Matthew
ha inviato Jenny 10C

3. Un nuovo hash (identificativo univoco) per
questa transazione: hashBAC312

Ora, Jenny vuole inviare 5C a Matilda. Questo
blocco conterrà anche tre informazioni:

1. L’hash (identificatore univoco) della
transazione di Matthew e Jenny: hashBAC312

2. Le informazioni della transazione: Jenny ha
inviato Matilda 5C

3. Un nuovo hash (identificativo univoco) per
questa transazione: hashBAC213

Poiché l’hash è l’identificatore principale
di una transazione, il modo in cui viene generato un hash è
incredibilmente cruciale per l’infrastruttura di sicurezza
complessiva di una blockchain. Bitcoin, ad esempio, rende
incredibilmente difficile il compito di generare un hash utilizzando
problemi matematici estremamente complessi in cui le soluzioni
possono essere raggiunte solo per tentativi ed errori. Affinché il
problema possa essere risolto, è necessario utilizzare grandi
quantità di energia, ad esempio potenza di calcolo, rendendo
incredibilmente laborioso il risolvere (comunemente indicato come
mining). Quelli che usano i loro computer per risolvere / miniere gli
hash sono generalmente definiti minatori. Il protocollo blockchain è
costruito in maniera tale che tanti più minatori ci sono, più è
complicata l’estrazione, e quindi più necessaria è la potenza di
calcolo, per estrarre un hash. Questo è uno dei modi cruciali in cui
blockchain garantisce che l’acquisizione di una rete sia il più
difficile e costosa possibile.

Per incoraggiare i minatori a impiegare tempo
ed energia negli hash delle miniere, i minatori vengono ricompensati
con criptovaluta di nuovo conio che non viene prelevata dagli account
degli utenti esistenti ma viene invece stampata dalla blockchain
stessa. Una volta trovata una soluzione, ovvero un minatore ha un
hash valido, questo hash viene trasmesso attraverso la rete a ogni
singolo utente in modo che possano convalidare il risultato
utilizzando un semplice calcolo. Una volta convalidato, un blocco
viene aggiunto alla catena, il libro mastro viene aggiornato e copie
dello stesso libro mastro vengono inviate a ogni singolo utente (è
importante notare che nella blockchain, gli utenti vengono spesso
definiti nodi).

Questo processo di estrazione è il meccanismo
attraverso il quale la rete di una blockchain raggiunge il consenso.

In virtù del fatto che ogni singolo blocco
porta con sé il proprio hash unico, così come l’hash del blocco che
lo ha preceduto, una volta che un blocco è stato sigillato, è quasi
impossibile manomettere il contenuto di un blocco. In questo modo, un
attore malintenzionato genererebbe un hash completamente nuovo per
qualsiasi blocco manomesso. Quindi, se il blocco che contiene la
transazione di 10C di Matthew e Jenny viene manomesso, verrà
generato un nuovo hash per tale transazione, ad esempio hashBAC223.
Tuttavia, poiché la transazione immediatamente successiva alla
transazione di Matthew e Jenny contiene già l’hash originale –
hashBAC312 – i nodi sulla rete sono in grado di vedere che si è
verificato un errore o un attacco. Affinché un attore
malintenzionato riuscisse a cavarsela con un attacco, lui o lei
avrebbe dovuto modificare l’hash di ogni singolo blocco dopo la
transazione di Matthew e Jenny. Un’impresa quasi impossibile a causa
delle risorse computazionali necessarie per generare un singolo hash
e il fatto che una rete sia composta da più minatori. L’unico modo
possibile per attuare un attacco con successo sarebbe se un gruppo di
aggressori fosse in grado di ottenere una maggioranza del 51% in una
rete in modo che potessero quindi approvare le transazioni successive
a un ritmo più veloce rispetto al resto dei minatori sulla rete .

Tutto ciò, nella sua forma più semplice, è
come funziona la tecnologia blockchain. Per ricapitolare, quindi,
Blockchain è un database decentralizzato che memorizza le
informazioni (transazioni, risorse ecc.) Attraverso una rete
distribuita (ovvero una rete peer-to-peer) in modo sicuro, immutabile
e trasparente.

E poi ci sono i
contratti intelligenti

A metà del 2015, Vitalik Buterin a soli 21
anni ha lanciato la blockchain Ethereum nel mondo. Incorporando tutte
le funzionalità di criptovaluta di Bitcoin (la valuta su Ethereum è
chiamata Ether), Buterin ha introdotto un altro componente
rivoluzionario alla tecnologia blockchain, il contratto intelligente.

Un contratto intelligente e un buon contratto
scritto vecchio stile condividono molte somiglianze. Di base,
ciascuno è un accordo contrattuale vincolante che stabilisce in che
modo due parti separate devono interagire tra loro in relazione a una
particolare transazione. Prima di redigere la versione finale di un
contratto, entrambe le parti devono volontariamente raggiungere un
accordo e, una volta soddisfatti, commemorano tale accordo al fine di
ridurre il rischio di confusione, dimenticanza o violazione.

Laddove i contratti intelligenti e i contratti
tradizionali differiscono, si fa riferimento alla lingua utilizzata
per commemorare i termini dell’accordo e le modalità con cui le
parti sono tenute a rispettare tali termini. Piuttosto che usare un
linguaggio (arbitrato), anche se spesso confusionario, da parte di
una terza parte fidata (per esempio un giudice), i contratti
intelligenti commemorano e applicano i contratti interamente tramite
codice autonomo.

Il modo più semplice di spiegare i contratti
intelligenti è pensare a come funziona un distributore automatico.
Se si desidera ottenere una barretta di cioccolato è necessario
soddisfare una condizione ed eseguire un’azione: inserire denaro nel
distributore automatico e inserire il numero corrispondente alla
barra di cioccolato desiderata. Un altro esempio potrebbe essere uno
scrittore che presenta un pezzo al loro editore. Un contratto
intelligente può esistere tra scrittore ed editore in cui la
scadenza, il conteggio delle parole e il plagio (o l’originalità)
vengono memorizzati nel codice del contratto intelligente. Diciamo
che le condizioni del contratto intelligente sono le seguenti. Per
ottenere il pagamento completo per la colonna settimanale, lo
scrittore deve:

• Inviare l’articolo entro le 17:30 ogni
giovedì

• Incontrare il conteggio di 800-1200 parole

  • Inviare materiale originale e non plagiato

Un protocollo potrebbe essere incorporato nel
codice del contratto intelligente in base al quale questi tre
requisiti hanno determinate condizioni ad essi collegate, ad esempio:

• Per ogni ora dopo le 17:30 che lo scrittore
ritarda di presentare un pagamento di un pezzo viene ridotto del
cinque percento. Se non riesce ad inviare entro le 00:00 il pagamento
viene completamente trattenuto.

• Una penalità del 25% viene prelevata dallo
stipendio dello scrittore se va sotto o sopra il conteggio delle
parole

• Se il contratto intelligente conduce una
scansione di verifica di plagio su Internet e rileva che il lavoro
dello scrittore non è il proprio pagamento viene immediatamente
trattenuto

Chiunque abbia lavorato come libero
professionista, sia che si tratti di un consulente, designer,
falegname o scrittore, avrà familiarità con il tema generale dello
scenario di cui sopra. Saranno anche intimamente familiari con il
processo noioso e dettagliato di inviare fatture e settimane di
attesa, se non mesi per il pagamento, insieme con il processo
scrupoloso di rincorrere quel pagamento se non riesce ad arrivare. Lo
scenario peggiore è quando un libero professionista è costretto a
portare azioni legali contro la parte contraente perché il pagamento
non si concretizza mai.

I contratti intelligenti, tuttavia, eliminano
completamente questi rischi. Seguendo l’esempio precedente,
l’articolo e il pagamento dello scrittore possono essere in deposito
fino a quando tutte le condizioni non sono state convalidate dal
contratto intelligente. Ad esempio, l’editore potrebbe non essere in
grado di accedere o scaricare il documento fino a quando il pagamento
per l’articolo non è stato depositato nel portafoglio Ethereum degli
scrittori, così come lo scrittore non può ricevere il pagamento
completo se supera o è sotto il conteggio delle parole. Anziché
aspettare settimane, inviare fatture e effettuare il follow-up con
e-mail e telefonate interminabili, l’intero processo è interamente
automatizzato ed eseguito per codice.

Il fatto che blockchain consenta l’aggiunta di
informazioni solo con il consenso della maggioranza di una rete,
convalida le transazioni con un meccanismo di consenso pressoché
impossibile che richiede un enorme potere computazionale, rende le
informazioni immutabili una volta aggiunte e, combinate con contratti
intelligenti, fornisce un meccanismo in base al quale comportamenti e
azioni possono essere incentivati e mediati ha portato diverse
aziende pubbliche e private che desiderano esplorare l’uso di questa
tecnologia in modi più quotidiani.

Dall’assistenza
sanitaria al voto e tutto il resto

Una volta compresi i principi di base della blockchain e dei
contratti intelligenti, non è difficile immaginare come la
tecnologia possa essere utilizzata per cambiare radicalmente il modo
in cui funzionano determinate industrie.

Prendiamo ad esempio la cura della salute, per
esempio. Nel Regno Unito, si è parlato molto dei National Health
Services (NHS) che incorporano la tecnologia blockchain per
migliorare l’esperienza complessiva del paziente e l’efficienza
operativa. Parlare di questo non è nuovo, infatti, il governo ha
preso in considerazione l’idea fin
dal 2016
.

Secondo il pensiero, i dottori avrebbero
maggiori e più veloci intuizioni sulla cartella sanitaria di un
paziente, avendo la loro intera storia medica accessibile tramite
blockchain. Tutti gli interventi chirurgici, i raggi X, le analisi
del sangue, le allergie e qualsiasi altra condizione / consultazione
potrebbero essere memorizzati e posseduti da un paziente su una
blockchain e gli operatori sanitari registrati potrebbero accedere e
caricare informazioni sulla blockchain come e quando è necessario.
Se questo utilizzo dovesse andare oltre il Regno Unito e essere
implementato a livello globale, un paziente che si ammala o ferisce
durante il viaggio potrebbe recarsi in un ospedale legittimo e farsi
curare da un’équipe medica che ha immediatamente capito la sua
storia medica.

Anche con il voto, la blockchain viene
esplorata come un modo per consentire alle società di passare dal
voto cartaceo al voto elettronico. All’inizio di quest’anno, negli
Stati Uniti, il West
Virginia ha sperimentato con successo utilizzando la
blockchain
per aiutare il personale dei servizi militari e gli elettori
selezionati degli assenti a partecipare elettronicamente alle
primarie dello stato nel 2018. Il voto elettronico è stato gestito
da un’applicazione chiamata Voatz,
che utilizzava una scansione delle impronte digitali degli elettori
per autenticare la loro identità, fornendo al tempo stesso una
sporgenza pubblicamente verificabile che manteneva il loro anonimato.
Una volta completate le votazioni, i risultati delle votazioni
elettroniche erano immediatamente disponibili.

Gli esempi sopra citati si basano sulla stessa
tecnologia che ha facilitato la nostra interazione ipotetica tra uno
scrittore e il loro editore. Nel caso dell’assistenza sanitaria, il
“blocco medico” di un paziente sarebbe completamente
crittografato in modo che i dettagli medici e altri dati personali
restassero inaccessibili al pubblico o ai nodi non autorizzati sulla
rete e un contratto intelligente determinerebbe chi deve avere
accesso a quali informazioni. Quando un medico aggiunge informazioni
al “blocco medico” di un paziente, le informazioni vengono
crittografate utilizzando la crittografia a chiave pubblica-privata,
tuttavia la transazione verrebbe comunque convalidata dalla rete per
confermare che si trattava di un medico / istituto medico legittimo x
nel trasferire informazioni al paziente .

Lo stesso vale per il voto. Tutti gli elettori
registrati avrebbero i loro identificatori biometrici caricati su una
blockchain di voto, la rete avrebbe convalidato la transazione, cioè
il voto, eppure il voto stesso sarebbe stato criptato. I governi
sarebbero in grado di dire chi ha votato, ma non come hanno votato, e
nessuno sarebbe in grado di manomettere i voti dato che ogni blocco
avrebbe il suo hash, così come l’hash del blocco prima di esso.

Certo, non si ferma al voto o all’assistenza
sanitaria. Ci sono letteralmente centinaia
di applicazioni che vengono esplorate usando blockchain
.

Conseguennze
impreviste.

“La tecnologia non è né
buona né cattiva; né è neutrale “
– Melvin Kranzberg

Blockchain è ancora una tecnologia nascente
che viene capita in modo ristretto dal grande pubblico se si dice che
sia del tutto compresa. Prima di iniziare a migrare su tutte le
nostre istituzioni più critiche, dobbiamo avere una discussione
seria e aperta su ciò che la fiducia significa per noi come
individui e come società. Oltre a ciò, dobbiamo capire che le
istituzioni basate sulla fiducia sono durate finché hanno una
ragione e se vogliamo introdurre una tecnologia che potrebbe mettere
seriamente in crisi queste istituzioni, dobbiamo considerare cosa
potrebbe succedere se qualcosa potesse prendere il loro posto.

Alcuni dei più grandi punti di forza della
blockchain sono anche le sue più grandi debolezze. Ad esempio,
mentre le transazioni di blockchain sono generalmente pseudonimizzate
in modo tale che le informazioni personali di identificazione di un
individuo non sono divulgate, i cyber-operatori ingegnosi hanno
ancora la capacità di combinare i metadati della blockchain con
altri tipi di analisi per estrarre l’identità di un titolare di un
conto. Una volta identificato il titolare di un singolo conto, mentre
le transazioni precedenti non possono essere modificate, si potrebbe
ben immaginare una campagna di phishing abilmente progettata per
ottenere la chiave privata di quell’individuo, dando così agli
hacker il controllo sull’account di quella persona.

Mentre la trasparenza su blockchain tiene tutti
sotto controllo, lascia anche tutti esposti.

Potresti, naturalmente, andare dall’altra parte
dello spettro e usare una criptovaluta a blockchain completamente
anonima, come Zcash o Monero. Questo tipo di criptovaluta
registrerebbe solo che una transazione è stata effettuata, tuttavia,
tutte le altre informazioni, incluso chi ha effettuato il pagamento e
dove, sarebbero state completamente anonime. Questo è ottimo per
condurre transazioni private, così i governi e gli hacker non
riescono a rintracciare ogni tuo pagamento, ma consente anche agli
spacciatori e ai pedopornografi di effettuare transazioni con
facilità. L’incorruttibilità e l’inaccessibilità di Zcash o Monero
renderebbero l’applicazione della legge completamente inutile. Nessun
mandato o soluzione tecnica potrebbe arrestare il sistema. La natura
distribuita della blockchain significherebbe che anche se l’FBI
dovesse chiudere tutte le operazioni statunitensi, fintanto che ci
fossero abbastanza nodi al di fuori degli Stati Uniti che volessero
continuare con la rete, continuerebbero senza intoppi.

Pensa anche a come la blockchain potrebbe
influenzare un sito di social-networking come Facebook o Reddit.
Mentre da un lato, potrebbe aiutare a salvaguardare i dati degli
utenti in modo che gli scandali di tipo Cambridge Analytica non si
ripetano, potrebbe anche alimentare ulteriormente il fenomeno delle
notizie false in cui potrebbero prosperare le teorie del complotto. I
social network ospitati su blockchains pieni di cospirazioni di tipo
Sandy
Hook
o Pizzagate sarebbero impossibili da chiudere a meno che le
forze dell’ordine non guadagnino il 51% e prendano il controllo della
rete (un’impresa quasi insormontabile a causa del protocollo
minerario incorporato in blockchains).

Anche i contratti intelligenti hanno i loro
problemi. Mentre i contratti intelligenti di principio possono essere
concettualmente facili da capire, il codice sottostante che li esegue
non lo è. I contratti intelligenti sono molto più binari dei
tradizionali contratti scritti. La sfumatura umana e l’ambiguità non
sono facilmente traducibili in codice, e non ci vuole molta
immaginazione per vedere dove un contratto autoesecutivo potrebbe
andare storto. A meno che non sia scritto esplicitamente nel
linguaggio di programmazione di un contratto intelligente, i
contratti intelligenti sono definitivi. Le persone commettono errori,
i contratti intelligenti no.

Una rete decentralizzata peer-to-peer potrebbe
sembrare la risposta a tutti i nostri problemi fino a quando non ti
rendi conto che tutti noi facciamo affidamento sugli altri per
guidarci e consigliarci. Le banche non si limitano a tenere i nostri
soldi e aiutano a trasferire i pagamenti, ma forniscono anche
consulenza finanziaria e investimenti in progetti comunitari. È
vero, questo potrebbe ancora accadere in un sistema completamente
gestito dalla blockchain, ma poi affermare che la blockchain sarà la
morte di tutti gli intermediari è sciocco – gli altri semplicemente
prenderanno il loro posto.

Proprio come certe banche hanno punteggi di
fiducia più alti di altre, così anche certe catene di blocchi
rispetto ad altre. Ma come saranno strutturati? Chi aiuterà quelli
che siedono fuori dall’economia digitale a navigare in questi nuovi
sistemi? Qualcuno dovrà chiaramente. Il modo in cui le istituzioni
attuali incorporano la blockchain nella loro struttura di governance
deve essere discusso chiaramente e a voce alta. Un’azienda che fa
affidamento su un protocollo blockchain per eseguire le sue
operazioni potrebbe essere eccezionalmente efficiente ma
spaventosamente disumana.

La società non opera isolatamente, le persone
imparano e crescono l’una dall’altra. Al centro del dibattito
blockchain dovrebbe essere una domanda fondamentale e continuamente
rivolta: vogliamo una società che si fida di istituzioni gestite da
esseri umani o vogliamo uno che si fida di codice informatico?

Aggiungete a ciò i miglioramenti in
Intelligenza Artificiale (AI) e la sua integrazione in blockchain e
potremmo trovarci con un sistema che prende le decisioni per nostro
conto senza necessariamente comprenderne la logica. Se l’IA stessa
diventa un nodo in una rete, non ci sarebbe praticamente alcun modo
di chiuderla.

Niente di tutto ciò significa che non potrebbe
funzionare. Blockchain e contratti intelligenti autoeseguiti
potrebbero essere solo la strada migliore, noi umani tendiamo a fare
un casino di cose; eppure abbiamo anche la capacità di abbondanti
quantità di compassione e generosità. Forse la blockchain non
prenderà il sopravvento quanto predicheranno i cripto-entusiasti.

Forse è meglio pensare a questa tecnologia
allo stesso modo in cui la maggior parte di noi pensa alle auto che
guidano da soli. Sarebbe bello vivere in un mondo in cui nessuno
guida ubriaco, distratto o stanco e che non abbia provocato un’altra
fatalità sulle nostre strade, ma prima di colpire l’accensione,
dobbiamo capire in pieno il codice di programmazione che guida la
macchina. Ci sono milioni di variabili che entrano in gioco quando si
guida, alcune totalmente basate sull’istinto e quasi impossibili da
programmare. Se hai bisogno che l’auto sfonda la porta del tuo garage
perché la tua casa è in fiamme, ci dovrebbe essere abbastanza
sfumatura nel codice o un interruttore affidabile in atto in modo che
tu possa salvarti la vita in una situazione che nessun programmatore
avrebbe mai potuto immaginare.