Missing Image

Ezio Pozzati

Ultimi lavori

La strada dissestata della FED

Negli ultimi decenni, la Fed si è impegnata in una serie di interventi pubblici e manipolazioni del mercato e paradossalmente è rimasta più potente anche se questi interventi hanno lasciato una scia di incidenti, crolli e catastrofi. Inutile dire che, negli ultimi 20 anni, la Fed è andata oltre il suo doppio mandato di stabilizzare i prezzi e la piena occupazione, manipolando, dal sotto scala, i mercati e la macroeconomia. Sul 5 dicembre, 1996, Alan Greenspan, allora presidente della Federal Reserve, ha tenuto un discorso in cui ha riflettuto sul fatto che le valutazioni del mercato azionario manifestavano un certo… Leggi tutto

Privatizzare il servizio di polizia

Naturalmente, l’abolizione del settore pubblico comporterebbe che tutti gli appezzamenti di terreno, tutte le aree, tra cui le vie e le strade, diventino di proprietà privata, dei singoli individui, delle aziende, delle cooperative o di qualsiasi altro raggruppamento di persone e di capitali. Il fatto è che tutte le strade ed i terreni divenendo privati, di per sé, risolverebbero molti dei problemi apparentemente insolubili. Quello che dobbiamo fare è orientare il nostro pensiero nel considerare un mondo in cui tutte le zone della terra siano di proprietà privata. Ad esempio: prendiamo la protezione della polizia. Come sarebbe la protezione della… Leggi tutto

Le conseguenze del denaro a pioggia

Il Federal Open Market Committee, FOMC, della Federal Reserve, ha votato il 14 dicembre per alzare i tassi di interesse dello 0,25%, come ci aspettavamo. Il voto è stato unanime tra cui le colombe come la Governatrice della Fed Lael Brainard. Mentre il rialzo dei tassi è stato completamente previsto dai mercati, ciò che non ci si aspettava era che la Fed avesse una posizione aggressiva sui futuri aumenti dei tassi. Prima della riunione di dicembre del F.O.M.C., la previsione era per due rialzi dei tassi prima della fine del 2017. Il 14 dicembre, la Fed ha comunicato… Leggi tutto

Crisi e l’aridità dei numeri

Le Crisi dal XIV secolo ad oggi. Il coinvolgimento delle banche. 1340 RE EDOARDO III D’INGHILTERRA non è in grado di ripagare i banchieri fiorentini che gli avevano presto i soldi per le campagne di guerra. Nel 1345 i banchi dei Peruzzi e dei Bardi falliscono: l’importo è di un milione e mezzo di fiorini (600.000 i Peruzzi, 900.000 i Bardi). Il sistema bancario fiorentino non è più in grado di sopportare un “buco” così ampio e le conseguenze sono catastrofiche. Ovviamente vi è l’effetto domino che trascina con sé gli Antellesi, gli Acciaioli e vari altri banchi, oltre ad… Leggi tutto

Trump e l’incombenza dell’elicottero monetario

Uno dei grandi misteri degli ultimi otto anni è il motivo per cui non c’è stata una maggiore inflazione dei prezzi al consumo nonostante la Federal Reserve abbia stampato oltre $3,000 miliardi di nuovo denaro. Molti economisti ipotizzano che tale stampa di denaro debba dimostrarsi inflazionistica, e molti consumatori hanno presunto la stessa cosa. La risposta è che la stampa di denaro di per sé non è inflazionistica — deve essere combinata con la velocità (quanto rapidamente viene utilizzato il denaro) al fine di produrre inflazione. La maggior parte del denaro stampato dalla FED è finito nelle mani delle grandi… Leggi tutto