Missing Image

Frank Shostak

Ultimi lavori

La FED è confusa su ciò che causa l’inflazione

Il 4 ottobre 2017, l’ex governatore della Federal Reserve Daniel Tarullo in un discorso al think-tank Brookings a Washington ha detto che i responsabili politici della Fed non hanno una teoria attendibile su ciò che causa l’inflazione. Secondo Tarullo, i banchieri centrali dovrebbero prestare meno attenzione ai modelli teorici e più ai dati reali. Tuttavia, come è possibile dare un senso ai dati senza avere una teoria affidabile? L’importanza della teoria Uno degli scopi di una teoria è di consentire di accertare la definizione di un fenomeno oggetto di indagine. La definizione corretta tenta di identificare l’essenza del fenomeno (cioè… Leggi tutto

Cosa c’è di sbagliato nella definizione popolare di inflazione?

Secondo Ludwig von Mises: “L’inflazione, poiché questo termine è sempre stato utilizzato ovunque e specialmente in questo paese, significa aumentare la quantità di denaro e di banconote in circolazione e la quantità di depositi bancari soggetti a controllo. Ma le persone oggi usano il termine “inflazione” per riferirsi al fenomeno che è una conseguenza inevitabile dell’inflazione, cioè la tendenza di tutti i prezzi e i salari a salire. Il risultato di questa deplorevole confusione è che non esiste un termine per indicare la causa di questo aumento dei prezzi e dei salari. Non c’è più alcuna parola a disposizione per… Leggi tutto

La regolamentazione bancaria dovrebbe essere ammorbidita?

Il responsabile della politica della Federal Reserve, Stanley Fischer (classe 1943 economista e banchiere), ha promosso un’azione contro il piano per ammorbidire il regolamento bancario, definendolo un “terribile errore”. Il presidente Donald Trump e i politici repubblicani hanno sostenuto l’abrogazione della Dodd Frank (Wall Street Reform and Consumer Protection Act. intervento di riforma di Wall Street a seguito della Grande Recessione), un importante pezzo di legislazione post-crisi e l’attenuazione di alcuni requisiti di capitale e di liquidità nel tentativo di facilitare la capacità delle banche di erogare prestiti. In un’intervista al Financial Times del 16 agosto 2017, Fischer ha affermato… Leggi tutto

La creazione di denaro alimenta l’impennata del mercato azionario?

È vero che i cambiamenti nell’offerta di moneta costituiscono una importante fattore trainante dei cambiamenti negli indici dei prezzi delle azioni? Intuitivamente ha senso sostenere che un aumento del tasso di crescita dell’offerta di moneta dovrebbe rafforzare il tasso di crescita dei prezzi delle azioni. Al contrario, un calo del tasso di crescita dell’offerta di moneta dovrebbe rallentare il ritmo di crescita dei prezzi delle azioni. Alcuni economisti seguaci della scuola di economia post-keynesiana (PK) hanno messo in dubbio l’importanza del denaro nel guidare i prezzi delle azioni (vedi, per l’illustrazione del pensiero post-keynesiano, L.Randall Wray Modern Money, Working Paper… Leggi tutto

Risparmio e denaro: qual è la relazione?

Missing Image
Gli accademici sostengono che il risparmio è la quantità di denaro rimasta dopo che il reddito monetario è stato utilizzato per le spese di consumo, il che implica che il risparmio è sinonimo di denaro. Quindi, per un dato livello di consumo attuato da parte dei consumatori, un aumento del reddito monetario implica un maggiore risparmio e quindi, conseguentemente, maggiori finanziamenti per gli investimenti. Ciò a sua volta innesca il meccanismo che porta ad una maggiore crescita economica. Seguendo questa logica, si potrebbe anche stabilire che l’aumento dell’offerta di moneta è vantaggioso per l’intero processo di formazione del capitale e… Leggi tutto