Missing Image

Gianni Milano

Ultimi lavori

Cosa significa “Laissez Faire?”

In italiano si pronuncia “lassé fer”. Le origini di tale espressione francese risalgono alla fine del Rinascimento e, secondo quanto si dice, fu usata per la prima volta nel 1680, epoca in cui lo stato nazione si andava diffondendo in tutta Europa. Il ministro delle finanze francese, Jean Baptiste Colbert, aveva domandato ad un commerciante di nome M. Le Gendre, cosa lo stato avrebbe dovuto fare per aiutare la nascente industria. Secondo la ”leggenda”, la risposta fu:”Lassez-nous faire” ossia “non occupatevene”. Questo aneddoto fu pubblicato nel 1751 sul Journal Oeconomique dal campione del libero commercio Rene de Voyer, marchese di… Leggi tutto

Verità e Miti sulle differenze retributive dovute al genere

L’attuale conflitto sull’uguaglianza di genere ha trasformato la questione delle retribuzioni relative di uomini e donne in uno scontro tra opposte tifoserie. Durante gli ultimi anni i difensori del mercato, me incluso, sono stati all’attacco, sostenendo che le differenze di retribuzione legate al genere sono una sorta di mito. Più recentemente i critici hanno replicato che non si tratta affatto di un mito e che, coloro i quali lo considerano tale, sono degli spacciatori di assurdità. Si scopre che entrambe le parti hanno ragione. Se il divario retributivo di genere è un mito dipende esattamente da ciò che le opposte… Leggi tutto

La Globalizzazione Economica non è Globalizzazione Politica

La globalizzazione è caduta in discredito. Sempre più persone la rifiutano in quanto ingiusta e fonte di ogni sorta di male, tra cui la crisi economica e l’immigrazione. Tuttavia, questo tipo condanna totale della globalizzazione, rappresenta un enorme problema. La ragione di ciò è evidente se si considera che la globalizzazione ha due dimensioni, una economica ed una politica. La globalizzazione economica è sinonimo di divisione transfrontaliera del lavoro. Oggi nessun paese produce unicamente per soddisfare le proprie esigenze, ma anche per i produttori ed i consumatori di altri paesi. E, in termini relativi, ogni paese produce quello che sa… Leggi tutto

Cinque campioni dello Stato Totale dimenticati

La maggior parte delle persone è consapevole dell’influenza di Karl Marx (1818-1883) e dei suoi compatrioti ideologici nella costruzione del totalitarismo del XX° secolo. Esiste però un’altra scuola di pensiero, risalente agli inizi del XIX° secolo e che si protrasse nel periodo tra le due guerre. Essa pur seguendo una strada diversa per quanto concerne l’influenza dello stato nelle nostre vite, giunse grosso modo alle stesse conclusioni. Contrapposti agli hegeliani di sinistra come Marx, questi pensatori sono conosciuti come hegeliani di destra, un movimento che rifiutando l’universalismo marxista, acclamava razza, nazione e guerra come essenze della vita. Questi pensatori rifiutavano… Leggi tutto

La ricetta Austriaca

Al principio di ogni anno, per un’ormai vecchia consuetudine, noi opinionisti siamo soliti offrire uno o due tipi di previsione. La prima assume la forma di un genuino tentativo, benché in ultimo destinato al fallimento, di sollevare uno sbrindellato angolo dello spesso velo dell’ignoto che separa l’oggi dal domani. Il secondo invece combina la futilità con il malizioso tentativo di associare il proprio nome alla previsione di un evento. Ossia quando ci si imbatte casualmente in qualcosa che, successivamente, verrà strombazzato come l’ispirata previsione di un evento ritenuto altamente improbabile. In questo caso il trucco del falso profeta consiste nel… Leggi tutto