Missing Image

Gianni Milano

Ultimi lavori

La storia dimostra che le banche centrali non riescono a garantire la stabilità economica

Missing Image
Il mondo è stato spesso afflitto, specialmente durante gli ultimi cento anni, da periodi in cui l’economia sembrava muoversi sulle “montagne russe”, boom e bust, inflazione e recessione. I principali responsabili di questi episodi destabilizzanti e dirompenti sono stati i governi e le loro banche centrali che hanno monopolizzato il controllo dei sistemi monetari e bancari delle rispettive nazioni e li hanno gestiti in modo pessimo. Non c’è davvero nessun altro colpevole se non loro. Eppure, secondo alcuni importanti autori che godono di grande rispetto per quanto concerne tali questioni, il governo avrebbe svolto il compito di stabilizzare l’economia disturbata… Leggi tutto

Lo studio dell’economia austriaca è essenziale per comprendere il ciclo economico e il denaro

Guardando ai prossimi anni, l’America ed il mondo continueranno a cavalcare un’ondata di crescita economica, migliori standard di vita e cambiamenti tecnologici che aumentano la qualità della vita? O questo si rivelerà, almeno in parte, un boom economico artificiale e si concluderà con un altro fallimento economico? Leggere le foglie di tè in economia non è mai un compito facile, ma la teoria austriaca del ciclo economico offre indizi di ciò che potrebbe riservarci il futuro. Nel 1928, il famoso economista austriaco Ludwig von Mises pubblicò una monografia intitolata Monetary Stabilization and Cyclical Policy, un ampliamento del suo precedente… Leggi tutto

Conto alla rovescia per la crisi fiscale

L’attuale sistema italiano che accumula spesa pubblica senza copertura finanziaria che si aggiunge ad un debito pubblico già enorme è la ricetta per il disastro. In generale, ci preoccupiamo troppo dei deficit e del debito e certamente in numeri in rosso sono importanti, dovremmo però prestare maggiore attenzione a variabili quali il peso complessivo della spesa pubblica e la struttura del sistema fiscale. Detto ciò, la Grecia ha dimostrato che una nazione può sperimentare una crisi se gli investitori non credono più che un governo sia in grado di “servire” il proprio debito (cioè, di pagare gli interessi e di… Leggi tutto

Il lavoro è un diritto?

Missing Image
Negli anni ’50 e ’60, una delle espressioni più popolari tra i conservatori americani era ” diritto al lavoro”. Era un’espressione “in codice” per dire “norme anti-sindacali”. Ciò fu compreso sia dai sostenitori che dai nemici del sindacalismo. Gus Tyler (n.d.t. 1911-2011, attivista socialista e dirigente sindacale), scrisse nel 1967: “In quasi tutti i casi, tali leggi hanno lo scopo di imbrigliare le organizzazioni sindacali”. Dal punto di vista della persuasione politica tramite la retorica, la frase è stata un successo. Nel 1956, 18 stati avevano approvato leggi sul diritto al lavoro e solo la Louisiana aveva votato per l’abrogazione,… Leggi tutto

Tocqueville ed il Welfare State

[Il potere del governo] ricopre la superficie della società con una rete di piccole e complicate regole, minime ed uniformi, contro le quali anche le menti più originali ed i personaggi più energici non riescono a penetrare e ad innalzarsi al di sopra della folla. La volontà dell’uomo non viene frantumata, ma ammorbidita, piegata e guidata; raramente gli uomini sono costretti ad agire, ma sono costantemente frenati nelle loro azioni. Un tale potere … non tiranneggia, ma comprime, snerva, estingue ed instupidisce il popolo, finché ogni nazione non viene ridotta a nulla più di un gregge di animali timidi e… Leggi tutto