Missing Image

Giordano Felici

Ultimi lavori

Non ci sarà alcuna ripresa senza produzione

Durante la crisi del coronavirus, coloro che hanno parlato in favore dell’approccio “io resto a casa” e di ridurre – o fermare del tutto – del lavoro e di restringere l’ambito di azione dei negozi di beni di consumo allo scopo di assicurare l’applicazione del “distanziamento sociale” per rallentare il diffondersi del virus, hanno accusato i loro oppositori di curarsi di più del mantenimento degli standard di vita che del “salvare vite”. Ma non si possono “salvare vite” se le persone non sono messe nelle condizioni di produrre e di lavorare, attività senza le quali non possono essere soddisfatti i… Leggi tutto

Le conseguenze inintenzionali dell’inflazione monetaria

“In beve, la FED si sta impegnando a salvare le attività economiche da quella che forse sarà la più grande, catastrofe economica mai verificatasi dall’epoca della grande depressione (e se non addirittura di dimensioni maggiori); si sta impegnando a finanziare i deficit del governo statunitense che stanno schizzando a razzo verso l’alto, finanziare il mantenimento dei livelli di consumo interno (direttamente e indirettamente) per mezzo degli US Treasuries e gonfiando oltre ogni immaginazione i mercati finanziari per portare a termine questi obiettivi e preservare l’illusione della ricchezza nazionale”. “Chiaramente, siamo sulla soglia di un’espansione monetaria senza precedenti” Introduzione Il presidente… Leggi tutto

Per far trionfare la libertà, dobbiamo affamare la bestia (ma non nel modo che voi pensate)

Missing Image
Qualche giorno fa, il governo Conte ha avuto la (in)decenza di pubblicare il decreto “Rilancio Italia”, introdotto con il mirabolante annuncio che esso vale 55 miliardi, l’importo di ben due leggi finanziarie, chiamandola – insieme al ministro Gualtieri, “potenza di fuoco”. Ho seguito molto attentamente i vari provvedimenti particolari che questo governo di keynesiani e – per una volta – fatemi spezzare una lancia in favore del buon vecchio JMK, perché – francamente – mi sentieri molto offeso veder applicate le mie teorie economiche da questi loschi figuri che, in un delirio di onnipotenza, sembrano essersi dimenticati delle più basilari… Leggi tutto

Il ritorno della legge di Say: riaprire tutto, riaprire ora (in sicurezza)

Missing Image
Ci sono, nella vita, delle verità dure a morire. Ad esempio, due molecole di idrogeno e una di ossigeno danno una molecola d’acqua; se metti vicino benzina e legna e poi dai fuoco allora farai scoppiare un incendio, e così via. L’economia, in quanto scienza, non è esente da leggi che – sebbene fondino la loro validità universale su presupposti diversi rispetto a quelli delle scienze fisiche – non sono meno valide di quelle appena enunciate: una di queste è la legge di Say. Nel Capitolo XV del Libro I del suo Traité d’économie politique (1803), Say scrive: “Un prodotto… Leggi tutto

Come i mercati valutano le pandemie e come valutano il rischio

In termini economici, le guerre e le pandemie sono la medesima cosa anche senza che vengano fatte le solite similitudini che assimilano il virus ad un nemico invisibile o a delle lunghe battaglie intramezzate da qualche breve tregua. Entrambe causano degli shock dal lato dell’offerta che minano la capacità di funzionamento del motore della prosperità. In linea di principio, il libero mercato gioca un ruolo cruciale nel mitigare gli effetti di questi shocks; tuttavia, il clima sociale che di solito accompagna questi eventi – caratterizzato da una forte paura – spesso ha l’effetto di rafforzare delle forze che sono antagoniste… Leggi tutto