I superpoteri dell’economista

Gli economisti, solitamente, non pensano di possedere dei superpoteri, ma se lo facessimo, di certo, penseremmo di avere il potere di “vedere ciò che è nascosto” così come Bastiat fece notare più di 150 anni fa. Ciò che è grandioso di questo superpotere è che ci permette di rompere le maniere convenzionali del pensare per permettere di accedere a nuovi punti di vista. Certe volte, addirittura permette di vedere cose che i supereroi presenti nei fumetti non possono. Come molti altri, recentemente ho guardato il nuovo film di Wonder Woman. Non sono un critico cinematografico, ne tantomeno, un fanatico dei… Leggi tutto

Sapete cos’è una nazione?

Il 4 luglio celebriamo qualcosa chiamato nazione, ma cos’è una nazione? Qual è la fonte delle nostre affezioni e lealtà? Supponiamo tutti di sapere la risposta alla domanda. Ma quando si scava a fondo, scopri che non esiste un comprensione chiara. Infatti, il disaccordo su questa questione vitale è una grande fonte di divisione e di conflitti politici nel mondo di oggi. Le divergenze di opinioni su ciò che costituisce la nazione è un aspetto del perché le affermazioni di Trump hanno un senso nei suoi seguaci, ma non nelle pagine editoriali, perché le filippiche di Elizabeth Warren (classe 1949… Leggi tutto

Ricostruire la Libertà [Americana] nel XXI Secolo

Nota dell’editore: Quest’articolo è stato originalmente scritto nel 1996, e venne inizialmente pubblicato in “Freedom and Capitalism: Essays on Christian Politics and Economics” di John W. Robbins. Con il continuo declino dell’economia e la progressiva perdità di libertà, quest’ articolo è attuale più che mai. Cos’è successo all’America negli ultimi 50 anni? Per parafrasare un vecchio slogan elettorale: “Siamo più liberi oggi, o 50 anni fa? Il grado di civiltà che possediamo oggi, è superiore a quello di 50 anni fa?” Io credo che la maggior parte di noi risponderebbe no a entrambe le questioni. Qualunque sia la misura che… Leggi tutto

Il fallimento dell’economia laicista

Missing Image
Questo è il testo di una lezione tenutasi alla Conferenza della Trinity Foundation su Cristianesimo ed Economia nell’Ottobre del 1999. Permettetemi di iniziare dicendo che non intendo raccontare barzellette sugli economisti, almeno non molte barzellette, ma certamente intendo citare le loro stesse parole per confermare la mia tesi che l’economia laicista ha fallito. Le loro parole saranno molto più devastanti di qualunque numero di barzellette. Il problema non sono tanto gli economisti, come le barzellette posso indurci a credere, ma è la disciplina economica stessa. Come è attualmente costituita la disciplina dell’economia non è in grado di dotarci di verità.… Leggi tutto

Apri Gli Occhi: La Democrazia Sociale Sta Collassando

Un segnale di tempi bizzarri: “1984” di George Orwell è diventato bestseller ancora una volta. Un libro che si distingue per la sua visione cupa dello stato, assieme alla sua angoscia per quanto concerne cosa fare a riguardo. Stranamente hanno questa visione al giorno d’oggi sia la Destra che la Sinistra, e persino le persone che non si schierano con nessuna delle due fazioni. L’intero fiasco che sta accadendo a Washington sembra irrisolvibile, e l’inevitabile sta già prendendo piede nello stesso modo in cui successe con i presidenti precedenti a Trump, ovvero il realizzare che il nuovo presidente non risolverà… Leggi tutto

Perché interessi particolari sacrificano il futuro in cambio di un vantaggio di breve periodo

Gli interessi particolari che dominano la politica sono causa di una sorta di guerra economica. Quanto più qualcuno è in grado di manipolare la macchina politica, tanto più può portare acqua al suo mulino. Costoro si avvalgono di tecniche di propaganda simili a quelle usate in periodi bellici. In tempo di guerra noi siamo i “buoni” in quanto nobilitati dalla nostra causa morale. I “cattivi” vengono invece umiliati e disumanizzati in modo che ben pochi saranno disturbati da ciò che verrà loro inflitto. Allo stesso modo, in politica interna, i rappresentanti di ciascun gruppo si dipingono come particolarmente degni o… Leggi tutto

Guardo i western

A detta di mia moglie nel mio inconscio doveva esserci una piccola dose di sadismo. Altrimenti, perché avrei voluto assistere a quelle “riprese” come lei le chiamava. Può darsi che avesse ragione. Infatti quando iniziava un film western e pensavo che lei intendesse cambiare canale mi sentivo incline ad aggredirla. Uno psicologo dilettante, un po’ più indulgente nella sua diagnosi circa il mio caso, sostiene che la mia dipendenza da questi spettacoli “con i cavalli” provi un ritardo delle mie facoltà mentali. A suo giudizio io sarei affetto da un brutto caso di infantilismo. Può darsi che ci sia qualcosa… Leggi tutto

La Brexit ha messo i politici europea in modalità panico

L’Unione europea non può permettersi di spadroneggiare sulla Brexit perché una brutta Brexit rischia di causare un danno smisurato. Non solo le grandi imprese in Europa vogliono una Gran Bretagna con cui poter liberamente commerciare, ma la fiducia nel progetto europeo sta rapidamente diminuendo. L’UE è un mega-stato che sta scomparendo e nessuno sa come assicurare la sua sopravvivenza. Inevitabilmente, i fallimenti dell’UE stanno avvicinandosi e l’uscita della Gran Bretagna espone le conseguenze finanziarie di decenni di cattiva gestione, di distruzione di capitali attraverso una ridistribuzione sprecata e la mancanza di una pianificazione delle contingenze. Il contributo annuale della Gran… Leggi tutto

Sì, la FED sta tenendo davvero i tassi di interesse bassi

La lenta ripresa dell’ economia dall inizio della crisi finanziaria nonostante i tassi di interesse a zero o vicino allo zero si presenta alla scuola dominante dei nuovi keynesiani con una enigma. Molti hanno tentato di risolvere l’ indovinello sostenendo che tassi di interesse senza precedenti cosi bassi non rappresentano il  il modo di fare della fed e pertanto non indicano una politica monetaria espansionistica .. Sebbene non formalmente il “nuovo keynesiano” George Solgin ha preso le difensive della fed difendendo vigorosamente questa posizione ,secondo Selgin il punto di vista che i tassi sono stati tenuti “tenuti bassi” è un… Leggi tutto

Il controllo degli affitti porta ad una buona politica e ad una cattiva economia

Non è necessario leggere molto in merito alla politica pubblica per trovare qualche affermazione del tipo “la cattiva economia fa una buona politica”. Questa affermazione è chiaramente inadeguata se per buona politica si intende un approccio reciprocamente vantaggioso, in effetti una buona economia è essenziale per raggiungere tale fine. Tuttavia la suddetta dichiarazione è spesso veritiera se per buona politica si intende la capacità di attirare il 50% più uno dei voti su una questione o su un candidato. In questo caso lo standard è molto diverso lasciando così molto spazio al governo per imporre danni ai cittadini. Pochi problemi… Leggi tutto