La qualità della moneta (parte quarta)

IV. La qualità della moneta e la funzione di mezzo di scambio

Per prima cosa, esamineremomoney i fattori o le proprietà che influenzano la qualità della moneta nella sua funzione di mezzo di scambio. Allorché queste proprietà cambiano, la qualità della moneta migliora o peggiora, e altera il potere dacquisto della moneta [stessa].

Le proprietà di un buon mezzo di scambio sono diverse. La maggior parte di esse è stata discussa, nella letteratura scientifica, in un altro contesto, cioè per spiegare lorigine della moneta. In realtà, la teoria qualitativa può spiegare la nascita e la scomparsa della moneta, mentre la teoria quantitativa non è in grado di spiegare questi fenomeni.1 Una delle proprietà più importanti per la qualità della moneta è lesistenza, nella società, di una domanda non monetaria per la moneta. Questa domanda può esprimersi in forma di beni di consumo o di fattori di produzione. Eimportante, per la qualità della moneta, che la sua domanda non monetaria giochi un ruolo essenziale nella società: tutti la vogliono, tutti ne hanno bisogno. La moneta non è richiesta solo come mezzo di scambio, ma anche per altri scopi. Così, per la moneta come bene esistono molte domande insoddisfatte e lintensità delle domande individuali è relativamente alta e permanente (Menger 1892, pag. 5). La domanda non monetaria è importante perché dà un’”assicurazioneal detentore di moneta. Perfino se la moneta finisse demonetizzata, cioè perdesse la propria domanda monetaria, conserverebbe comunque un valore considerevole. La domanda non monetaria sostiene il suo valore.2 Insomma, più alta la domanda non monetaria, più alta la qualità della moneta. Se, ad esempio, loro è moneta e la domanda di oreficeria aumenta, Leggi tutto

La Moneta: IV Parte

 money 2Canali di trasmissione della moneta e politica monetaria

Il controllo della quantità di moneta, e in generale la politica monetaria, è realizzato dalla banca centrale attraverso diversi strumenti.

Per quanto riguarda la base monetaria, oggi il principale canale di creazione è costituito dai finanziamenti della banca centrale alle aziende di credito, che si trovano con scarsa liquidità. Sono le operazioni di mercato aperto, che assumono la forma di operazioni di rifinanziamento principali (pronti contro termine, trasferimento di fondi in cambio di titoli con restituzione entro 2 settimane) o di rifinanziamento a più lungo termine (a 3 mesi)[1].

Questo canale rappresenta l’espressione più importante della strategia di politica monetaria adottata dalle banche centrali, perché è attraverso il finanziamento della liquidità al sistema bancario che esse riescono a influenzare gli aggregati monetari e i tassi di interesse di mercato (infra)[2].

Un secondo canale di creazione è l’estero: se vi è un saldo attivo della bilancia dei pagamenti, gli operatori ricevono valuta estera, che viene convertita in moneta nazionale dalla banca centrale: dunque un surplus della bilancia dei pagamenti si traduce in un’iniezione di base monetaria. Viceversa, se la bilancia dei pagamenti è in disavanzo, si ha distruzione di base monetaria.

Un terzo canale può essere il Tesoro: se vi è un disavanzo pubblico, parte di esso può essere coperto con modalità che prevedono immissione nel sistema di base monetaria. Tali modalità sono tre: 1) acquisto di titoli pubblici da parte della Banca centrale; 2) il Tesoro ha un conto corrente di tesoreria presso la Banca centrale; al fine di assicurare liquidità al Tesoro per far fronte a sfasamenti temporali fra incassi e pagamenti, la banca centrale apre una linea di credito temporanea, effettuando pagamenti per conto del Tesoro; 3) emissione di monete metalliche (di piccolo taglio) da parte del Tesoro.

Nell’Unione monetaria europea tale canale non è più previsto, è stato chiuso nel 1994 per impedire che … Leggi tutto

Milton Friedman: un keynesiano d’acqua dolce | II parte

Come precedentemente spiegatofriedman, questa estesa liquidazione del debito fu un’inevitabile e salutare correzione della precedente bolla di credito. I prestiti bancari, in realtà, erano cresciuti ad un ritmo frenetico durante i precedenti 15 anni, triplicandosi dai circa 14 miliardi a 42 miliardi. Come nella maggior parte dei boom creditizi artificiali, la rilevante espansione dei prestiti durante la Grande Guerra e i Ruggenti Anni Venti  lasciò le banche imbottite di prestiti che non poterono essere rimborsati quando, nell’ottobre del 1929, la musica si fermò.

Di conseguenza, durante i postumi del crash, più di 20 miliardi di prestiti bancari furono liquidati, inclusi i miliardi cancellati a causa di fallimenti e chiusure di aziende. Come precedentemente spiegato, circa la metà della contrazione dei prestiti fu da attribuire ai 9 miliardi di prestiti a garanzia del mercato azionario che erano stati ritirati, quando la bolla del mercato finanziario collassò nel 1929.

Similmente, anche i prestiti per il finanziamento del capitale operativo diminuirono significativamente a causa del crollo della produzione. Di nuovo, ciò fu la mera conseguenza dello scoppio della bolla industriale e del settore dell’export, non qualcosa causato dal fallimento della FED nel fornire adeguate riserve bancarie. In breve, la liquidazione di prestiti bancari fu quasi esclusivamente il risultato di bolle scoppiate nell’economia reale, non di mancanza di stimoli da parte della banca centrale.

In realtà, non c’è mai stata nessuna evidenza di larga scala del fatto che i prestiti bancari siano diminuiti durante il ’30-’33 a causa di banche richiedenti il pagamento dei crediti esigibili o neganti il credito a potenziali debitori solventi. Tuttavia, a meno che questi fatti siano accaduti, non c’è semplicemente nessuna prova che la restrizione monetaria abbia causato la Grande Depressione.

Friedman e i suoi seguaci, compreso Bernanke, vennero fuori con una bufala accademica per giustificare queste ovvietà: poiché il livello generale dei prezzi era sceso significativamente durante i 45 mesi successivi al crash, sostennero che il tasso … Leggi tutto

Milton Friedman: un keynesiano d’acqua dolce | I parte

Tratto da:” La grande deformazione: la corruzione del capitalismo in America” di David Stockman.

Quando il professor Friedman aprì il vaso di Pandora: le operazioni sul mercato aperto

In fin dei contfriedmani, Friedman abbandonò il gold standard per una rilevante ragione statalista. Proprio come Keynes, era afflitto dall’ambizione dell’economista di prescrivere la via verso un maggior reddito nazionale e una maggiore prosperità, con l’indicazione degli strumenti interventisti e, quindi, le ricette con cui ottenere tutto ciò. L’unica differenza con Keynes fu l’origine: quella dell’inglese, essenzialmente fiscalista mentre Friedman si concentrò sulle operazioni sul mercato aperto condotte dalla banca centrale quale mezzo per raggiungere la domanda aggregata e il reddito nazionale ottimali.

C’erano imponenti e molteplici ironie in quella presa di posizione. Egli pose a carico della banca centrale il compito attivo e moralmente giustificato  di comprare il debito del governo tramite la conduzione delle sue operazioni sul mercato aperto. Certo, Friedman disse che la FOMC avrebbe dovuto comprare bond e azioni ad un tasso non superiore al 3% annuale, ma quel limite era una debole barriera.

In realtà, non può essere negato che fu il professor Friedman, il fustigatore del Grande Governo, ad indicare ai banchieri centrali repubblicani la via per favorire lo stesso in vari modi. Sotto i loro auspici, la FED si rimpinzò presto delle emissioni di debito del Tesoro e tramite ciò alleviò dall’inconveniente di finanziare più spesa con più imposte.

Secondo Friedman la democrazia avrebbe prosperato in un sistema di libero mercato: aveva perfettamente ragione. Tuttavia il suo strumento preferito di promozione della prosperità, la gestione da parte della FED dell’offerta di moneta, fu molto più anti-democratica dei metodi di Keynes. L’attivismo fiscale politico era, almeno, soggetto alle deliberazioni del parlamento e, in un qualche generico senso, al giudizio elettorale da parte della cittadinanza.

Al contrario, i dodici membri della FOMC  sono quanto di più vicino ad un non eletto politburo sia possibile ottenere nel … Leggi tutto

Incredibili equivoci: ‘Positive Money’ e la fallacia della necessità di uno stato produttore di moneta

Pur non condividendo le posizioni di Schlichter sulla sostenibilità e giustificabilità economica, legale e morale della riserva frazionaria, riteniamo utile pubblicare diversi stralci della serrata critica dell’autore alle posizioni stataliste del movimento “Positive Money”.

Mises Italia

Sono di solito incline positivead incoraggiare l’indagine sugli aspetti fondamentali della moneta e del sistema bancario. Questo perché tendo a credere che solo ritornando ai principi primi è possibile disboscare la selva di teorie largamente accettate ma profondamente sbagliate che dominano l’attuale dibattito nei media, nella politica e nell’industria finanziaria. Dalla mia personale esperienza nel mercato finanziario apprezzo quanto conveniente e invitante sia nel mondo degli affari, dove la comunicazione veloce e semplice è la regola, adottare un certo, largamente accettato, insieme di paradigmi, senza alcune riguardo a quanto siano fragili le loro fondamenta teoriche. Manager di fondi, traders e giornalisti finanziari vivono nell’immediato presente, preoccupati da cosa riporteranno i titoli dei giornali oggi, e lavorano in imprese ad alta intensità di collaborazione. Non hanno né il tempo né l’inclinazione a mettere in dubbio il corpo di teorie – spesso nemmeno percepite come ‘teorie’ ma considerate alla stregua di saggezza comune –  che danno forma al modo in cui guardano e discutono del mondo esterno. Così, concezioni erronee e perfino assolute fallacie spesso rimangono indiscusse e, attraverso il metodo della continua ripetizione, vivono tranquillamente nel mezzo dei dibattiti politici, delle analisi economiche e dei reportage dei mercati finanziari.

Questo contribuisce molto nello spiegare l’immeritata sopravvivenza di un numero di persistenti miti moderni: la deflazione è il pericolo più grave che si possa affrontare; il Giappone è stato paralizzato dalla deflazione per anni e ritornerà a crescere solo se sarà portato a creare un po’ di inflazione; la mancanza di ‘domanda aggregata’ spiega le recessioni e va contrastata con una politica di credito facile; stampare denaro, finché non ci porta ad avere una inflazione più alta, è un pasto gratis, vale a dire che possiamo … Leggi tutto

Il denaro è la radice di tutti i mali?

Non esiste una cosa come il denaro nel mondo di oggi – solo controllo. Quello che oggi definiamo denaro – valuta fiat – non è affatto denaro, ma una condizione decretata dell'uomo; si tratta di un mezzo di controllo e poco più. Solo perché rassomiglia al denaro, ricorda il denaro ed è molto simile al denaro (non che la Banconota della Federal Reserve somigli a nulla di simile una volta che l'indottrinamento viene rotto) non significa che sia denaro.

Sulla domanda di moneta

L’implacabile lotta di Phastidio.net contro gli AAA (e non mi riferisco ai giudizi delle agenzie di rating ma agli Austerici Austriacanti Austriaci), continua senza sosta, oggi tocca a Stefan Karlsson.
Di fronte alla persistente assenza di iperinflazione (o anche solo di inflazione, a dirla tutta), Stefan Karlsson, economista svedese di scuola Austriaca, giunge ad una puntualizzazione assai preziosa per tutti quelli che proprio non riescono a capire la differenza tra base monetaria ed offerta di moneta, come abbiamo potuto sperimentare tempo addietro davanti alle sdegnate email dei fedeli austriacanti che vedono inflazione dietro ogni angolo di strada.
Ricordiamo che i fedeli austriacanti vedono l’inflazione dietro l’angolo se la BCE deciderà di monetizzare i debiti dei paesi periferici dell’area Euro che sono in difficoltà nel piazzare i propri titoli e/o rischiano il default.
Che ci sia certa gente a cui non va giù che la BCE stampi qualche trilione di euro per comprare i bond dei paesi PIGS e contemporaneamente ripulisca i bilanci delle banche che li hanno in portafoglio, è intollerabile per Phastidio! Casualmente, ma vi assicuro è solo un caso, chi tanto si inphastidisce se non si salvano le banche, poi lavora in una di quelle messe peggio riguardo il debito italiano, ma, ripeto, è solo un caso. O forse no, dopotutto Phastidio augurava a tutti gli altri di perdere il lavoro, quindi…
Ma torniamo a noi. Il blogger di MPS si “stupisce” che un economista austriaco come Stefan Karlsson conosca la differenza tra base monetaria e offerta di moneta. Il problema di Karlsson è spiegare a Krugman che, secondo la teoria austriaca, l’iperinflazione (dei prezzi) non è una diretta ed automatica conseguenza  di un aumento della base monetaria.
Scrive dunque Karlsson:
«L’analisi monetaria Austriaca non solo non dice ma, per quanto ne so io, non ha mai detto che aumenti nella base monetaria creano direttamente inflazione da prezzi. E’ solo indirettamente, nella misura in cui essa
Leggi tutto