Liberty.me & Mises Italia: parte la collaborazione

Annunciamo con piacere l’inizio di una collaborazione tra la città libertaria Liberty.me ed il Mises Italia, al fine di promuovere i loro contenuti anche tra il pubblico italiano. Sul sito di quella è già attivo un nostro blog dedicato alla riproposizione in lingua italiana dei suoi contenuti chiave, aggiornato mensilmente con nuove traduzioni.

Scopo primario di questa collaborazione è per noi il fornire ai nostri soci un accesso alla ricchissima biblioteca digitale del portale Liberty.me: il progetto guidato da Jeffrey Tucker si è infatti distinto per un’originalità dei contenliberty.meuti che siamo certi i nostri lettori apprezzeranno. A fianco dei testi classici di teoria economica troviamo infatti anche un’ampia serie di guide specifiche su temi pratici ed attuali, sempre argomentati in chiave di economia austriaca e filosofia libertaria: chi volesse accostarsi ai nostri ideali tamite un approccio più concreto potrà trovare in esse un valido punto di partenza.

Di seguito, una lista dei titoli digitali che già da oggi i soci Bastiat ed i soci Rothbard del Mises Italia potranno richiedere mensilmente come parte dei propri benefici. La lista completa degli e-book Liberty.me e Laissez-Faire Books scaricabili è comunque sempre disponibile presso questa pagina.

 

1. Liberty.me Books

J.D. Acton – Lord Acton’s History of Freedom
F. Ballvé – Essential of Economics
H.E. Barnes – Perpetual War For Perpetual Peace
F. Bastiat – Economic Harmonies
F. Bastiat – Economic Sophisms
F. Bastiat – Selected Essays on Political Economy
F. Bastiat – The Law
L. Baudin – A Socialist Empire: The Incas of Peru
E. de La Boétie – The Politics of Obedience
R. Bourne – War is the Wealth of the State
E. Braun – Finance Behind the Veil of Money
G. Callahan – Economics for Real People
R. Chantillon – An Essay on Economic Theory
G. Chartier – Conscience of an Anarchist
F. Chodorov – Income Tax: Root of all Evil
F. Chodorov – Out of Step
F. … Leggi tutto

Campagna tesseramento 2015

Con l’avvicinarsi del periodo natalizio siamo lieti di annunciarvi l’avvio della campagna tesseramento 2015.
Pur mantenendo come obiettivo l’educazione economica, abbiamo introdotto alcune modifiche aumentando i benefici di base dei soci ordinari a livello di quelli sostenitori e dedicando a questi ultimi la possibilità di un approfondimento attivo tamite gli ottimi corsi online della Mises Academy, con tanto di certificato nominale di superamento.

Rothbard_AD-01Volendo scegliere per questa piccola comunità il giusto posto tra le cose del mondo, vediamo intorno a noi una realtà nient’affatto dovuta a una sfortunata e passeggera congiuntura economica, o ai danni di un particolare editto che, se rimosso, farebbe strada ad un’inversione di rotta. Il piano inclinato su cui un’intera civiltà sta scivolando è fatto di idee: limiti nel concepire la dinamica delle interazioni sociali, incoscienza del nostro potere individuale e delle connesse responsabilità, diffidenza verso i risultati del rispettare la libertà altrui. Tuttavia, l’insegnamento della Scuola Austriaca è senz’altro all’altezza del compito di accompagnarvi nel dissipare questi ostacoli e fornirvi un’educazione di prim’ordine. Ecco dunque il nostro messaggio a chi stia valutando il tesseramento: siate oggi l’avanguardia di una riscoperta che ogni giorno di più, semplicemente, non può essere più rimandata! Ai lettori di sempre, invece, la rassicurazione che i contenuti del Mises Italia saranno sempre disponibili gratuitamente alla lettura e download.

Qui una scorciatoia alle pagine d’interesse nel nostro sito:
punto di partenza per il tesseramento;
elenco di tutti i benefici ai soci;
– pagina per i candidati collaboratori.

Se saprete far tesoro delle parole di von Mises, Hayek, Hazlitt, Rockwell e degli altri autori tutti, la ricompensa sarà la comprensione dell’importanza di una vita davvero vissuta in pace col prossimo, delle innumerevoli potenzialità insite nell’esercizio quotidiano della propria individualità ed imprenditorialità, nonché la chiara visione di quanto benessere una società basata su scambi volontari riesca ad apportare a tutti i suoi partecipanti.
Tenendo sempre presenti queste verità, procediamo nel … Leggi tutto

Campagna tesseramento 2014.

Nelle settimane in cui veniva allestito il sito per la nostra prima campagna tesseramento abbiamo testimoniato l’ennesima conferma di come governi e banche centrali intendano affrontare le presenti difficoltà economiche: ancor più debito, ancor più tasse, più controlli ed interventismo. Davvero, questi personaggi non cambiano mai: sempre intenti a coprire bare con la terra di quella accanto. Nelle fosse, belle in mostra, stanno in fila le nostre libertà. Pensateci: quante ve ne sono rimaste?

Mises_AD-04-small

In questo scenario, la condizione che più caratterizza la maggior parte degli individui è l’incoscienza: delle conseguenze economiche delle proprie azioni, della natura e scopo del sistema a cui delegano sempre più della propria vita, ma soprattutto l’incoscienza di quale ruolo chiave sia dato loro di giocare nel progresso verso una società più prospera e pacifica.
Solo partendo da tanta incoscienza si è potuta imporre così tanta violenza sul prossimo: costante, ubiqua, sistematica. In due parole: ‘per legge’.

Eppure, ci siamo addentrati in un periodo tra i più interessanti e promettenti della nostra Storia: non può che essere motivo di sprone quell’amaro movimento che, ogni giorno di più, ci avvicina alla disillusione… a maggior ragione quand’esso è il pungolo di una condizione essenziale e ineludibile: i soldi degli altri stanno per finire. Finalmente!
E’ nella disillusione infatti che si ritrova la realtà delle cose, che si riscopre in sè stessi il principio della propria ascesa, che si riaccende la voglia di agire in prima persona per migliorare la propria condizione. Guarda caso, tre caratteristiche dell’imprenditorialità umana.

Se tra le decisioni che rendano una vita degna d’essere vissuta sta senz’altro quella di vincere la paura d’essere liberi, risalendo un passo alla volta lungo questo proposito tra i primi scalini troviamo la necessità d’una solida educazione sul mondo circostante e sulle dinamiche dell’interazione umana. L’economia è proprio la scienza dell’azione umana: il suo proposito è studiare quelle scelte volontarie, in un ambiente gravato da scarsità, utili ad allontanarci … Leggi tutto

Intervista a Philipp Bagus

Mises Italia, in collaborazione con l’associazione culturale Ora libera(le) Torino, intervista Philipp Bagus, prof. associato di economia applicata all’Universidad Rey Juan Carlos di Madrid nonché allievo di Jesus Huerta de Soto, in occasione dell’incontro tenutosi presso la Facoltà di Economia dell’Università di Torino il 02 marzo 2013, promosso dall’Assemblea di Economia nell’ambito della seconda edizione di “Tesoro Parliamone”.

Grazie a Chiara Garibotto.

Mises Italia

 

 

 … Leggi tutto