Paperone ci spiega l’economia

Una delle tesi dei cosiddetti “signoraggisti”, movimento che ispira la riforma monetaria proposta dal M5S, è quella secondo la quale idealmente lo Stato dovrebbe battere moneta in modo da poterne creare quanta necessaria per evitare di indebitarsi con altri soggetti.

Strettamente collegato a questo argomento, tra i propositi del M5S c’è anche quello di fornire un “reddito di cittadinanza” a tutti gli italiani (suppositamente tra coloro in qualche modo definiti poveri), in modo che sia possibile vivere in maniera dignitosa ed affrancarsi finalmente dalle pene lavorative.

La prima domanda che si dovrebbe fare ad una proposta del genere sarebbe quella relativa all’importo del reddito: del resto se tale reddito ci permettesse di vivere dignitosamente, perchè non aumentarlo in modo da vivere ancora meglio, e magari nel lusso? Sarebbe una ovvia conseguenza.

Ci si potrebbe poi chiedere a che pro continuare a lavorare, se smettendo, e quindi diventando “bisognosi” si potrebbe avere accesso al reddito senza dover fare nulla.

Evidentemente semplici domandi basilari di questo tipo, che tutti noi dovremmo anche esserci fatti fin da bambini, non passano per la mente dei politici, ma del resto la loro priorità è quella di guadagnare il favore degli elettori in modo da fargli apporre l’apposita crocetta quando chiamati ad esprimere il loro altissimo dovere civico, per il resto… si vedrà, la retorica viene sempre in aiuto quando si tratta di trovare qualcuno o qualcos’altro a cui addossare le colpe.

Molti anni fa la cultura economica era sicuramente diversa e persino un fumetto come Topolino aveva affrontato l’argomento: ne proponiamo la versione tradotta ai nostri lettori.

 

PaperonDePaperoni01-Ita

PaperonDePaperoni02-Ita

PaperonDePaperoni03-Ita

PaperonDePaperoni04-Ita

PaperonDePaperoni05-Ita

PaperonDePaperoni06-Ita

PaperonDePaperoni07-Ita

PaperonDePaperoni08-Ita

PaperonDePaperoni09-Ita

PaperonDePaperoni10-ItaLeggi tutto