Perché la gente non ci arriva?

Una volta che si comprende l’economia, la realtà che ciascuno vede prende un nuovo significato e il socialismo smette di essere una soluzione plausibile ai mali del nostro tempo.

La Cortina Fumogena accademica

Gli accademici rappresentano un curioso caso di studio. Nei libri scolastici gli argomenti vengono presentati in modo che gli studenti possano percorrere un determinato percorso: lo studente non fa caso all'ordine dei capitoli e nemmeno se ne preoccupa a posteriori, l'importante è il risultato; i concetti vengono assorbiti passivamente, le contraddizioni vengono soprassedute. Bisogna andare avanti, perché se lo dice il libro ufficiale allora "è vero."

Il volto dell’eco-fascismo genocida

Non sto esagerando. Questo è lo scrittore finlandese Pentti Linkola – un uomo che propone la riduzione della popolazione mondiale intorno ai 500 milioni e l’abbandono della moderna tecnologia e dell’obiettivo della crescita economica – parole sue.

Paragona la terra a una scialuppa di salvataggio strapiena:

Cosa fare quando una nave che trasporta un centinaio di passeggeri si ribalta improvvisamente e c’è solo una scialuppa di salvataggio? Quando questa è piena, quelli che odiano la vita provano a sovraccaricarla con troppe persone, affondandola. Quelli che l’amano prenderanno la scure della nave e taglieranno le mani di troppo che si aggrappano ai lati della stessa".

Prosegui nella lettura

Matite e mercato

Che cosa può insegnarci una piccola matita di grafite in merito alla teoria economica? Tantissimo, specialmente se è la penna di Leonard E. Read a darle voce e farle raccontare la sua storia. Pare un oggetto semplice, la matita, eppure la sua produzione ha richiesto il lavoro di milioni di persone in tutto il mondo! Senza la fatica dei minatori di Ceylon, degli estrattori d’argilla del Mississippi, dei boscaioli della California e tanti altri, un bambino non troverebbe la sua bella matita in cartoleria.

Eppure nessuno di questi pensava al prodotto finale! Come mai allora le cartolerie abbondano di matite? Se lo domandò Adam Smith quasi 250 anni fa e trovò questa risposta:

Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio o del fornaio, che noi ci aspettiamo la nostra cena, ma dal loro rispetto nei confronti del loro stesso interesse. Noi ci rivolgiamo, non alla loro umanità ma al loro amor proprio, e non parliamo loro delle nostre necessità ma della loro convenienza.

Sia chiaro, non si postula che l’uomo descritto da Adam Smith sia un robot massimizzatore di profitto che pensa solo e soltanto al proprio tornaconto economico, tutt’altro! Ciò che si dice, piuttosto, è che nell’economia di mercato, laddove la libertà individuale si accompagna alla responsabilità, anche chi ricerca il proprio interesse è in qualche modo costretto, come da una mano invisibile, a promuovere l’interesse di chi gli sta intorno.

Per questo motivo i boscaioli della California, che abbattono i cedri per far trovare un pasto caldo ai propri cari a casa, indirettamente e involontariamente stanno beneficiando anche il bambino di New York che va in cartoleria alla ricerca di una matita.

Non è l’unico insegnamento che Read ci consegna attraverso questo racconto. Come fanno tutti questi individui sparsi per il mondo, a cui non interessa affatto fabbricare matite e che non comunicano tra loro, a coordinarsi in modo da rifornire le cartolerie di New … Leggi tutto