Oggi più che mai abbiamo bisogno del libro “La Legge” di Bastiat

Gli studenti delle scuole superiori negli Stati Uniti sono solitamente tenuti a seguire un corso in pubblica amministrazione dove vengono a conoscenza della struttura del governo, ma raramente scoprono il il corrispondente ruolo del governo o i limiti giustificabili dell’uso della forza nella nostra società. Se lo facessero, una delle letture richieste sarebbe il saggio di Frédéric Bastiat (1801-1850 economista e scrittore francese, filosofo della politica di ispirazione liberale), The Law (La Legge, La Loi), un’opera fondamentale di metà del diciannovesimo secolo che descrive le verità eterne sulla vita e su come perseguiamo la giustizia. Queste verità sono valide oggi come allora.

Bastiat afferma che le persone nascono con diritti naturali di vita, libertà e proprietà. Da questa nozione, l’unica funzione propria dell’uso della forza o della legge è l’organizzazione collettiva del diritto naturale all’autodifesa di questi diritti:

Ogni individuo ha il diritto di usare la forza per legittima difesa personale. E’ per questo motivo che la forza collettiva – che è solo la combinazione organizzata delle singole forze – può essere lecitamente utilizzata per lo stesso scopo e non può essere usata legittimamente per nessun altro scopo

Definisce quindi qualsiasi uso illegittimo della forza o della legge come saccheggio legale. Questo è un termine onnicomprensivo che include qualsiasi violazione ingiustificata della vita, della libertà o della proprietà altrui. Molti esempi abbondano oggi con le normative sul lavoro (ad esempio le leggi sul salario minimo), i prodotti (ad esempio: sussidi e tariffe), l’assistenza sanitaria, l’istruzione, o anche l’uso di marijuana o di altri farmaci.

Il saccheggio legale ha due motivazioni principali:

  1. Il primo è la stupida avidità. Ad esempio, non avresti mai pensato di derubare il tuo vicino, ma sei compiaciuto se il governo usa il saccheggio legale per derubarlo a tuo nome.
  2. Il secondo è una filantropia fuori luogo. Molti socialisti rientrano in questa categoria. Ad esempio, parlano costantemente di fraternità, ma non
Leggi tutto

La mano che arraffa: quella dello stato

Per poter valutare l’espansione senza precedenti che lo Stato democratico moderno ha registrato in Europa, è utile ricordare l'affinità storica tra due movimenti che emersero alla sua nascita: il liberalismo classico e l’anarchismo. Entrambi questi movimenti furono motivati dall'ipotesi, rivelatasi poi errata, che il mondo si stesse incamminando verso un'era di indebolimento dello Stato. Ma mentre il liberalismo propendeva per uno stato minimo che governasse i cittadini in modo quasi impercettibile, lasciando loro la libertà di condurre i loro affari in santa pace, l’anarchismo, al contrario, auspicava la dissoluzione totale dello Stato.