La palese inutilità della burocrazia

Le burocrazie statali falliscono sempre nel tener fede alle loro promesse perché non sono istituzioni del mercato. Ed in quanto tali, non vi è alcun modo per accertare il livello di efficienza con il quale stanno operando, proprio perché nei settori gestiti dallo Stato non esistono rendiconti valutativi volti a misurare i profitti e le perdite, ma esistono solamente dei "budget"

Uno sguardo alla presunta austerità italiana

L’economia Italiana è in contrazione per il terzo trimestre consecutivo, con una recessione che fa sprofondare il paese e aggiunge fuoco alla crisi dell’euro. L’Italia è la terza economia dell’Eurozona e molti la vedono come l’ago della bilancia di un eventuale collasso della moneta comune perché è troppo grande per fallire. Né l’UE né il FMI hanno abbastanza denaro per salvarla. Se il paese va in default, questo probabilmente segnerà la fine dell’euro.

Si è accusata l’austerità per le difficoltà economiche dell’Italia. Chiara Corsa, economista di UniCredit, ha scritto che “Il fattore chiave è l’austerità, che pesa duramente sui consumi e sugli investimenti.” Le recenti elezioni amministrative hanno visto la nascita di partiti anti-austerità. Paul Krugman aveva messo in guardia contro queste conseguenze a dicembre quando aveva descritto la spinta verso l’austerità da parte del Primo Ministro Mario Monti come “auto-lesionista” e “delirante.”

Tuttavia, come per il caso di Gran Bretagna, Francia e Grecia, i commentatori non sono chiari su cosa significhi austerità per l’Italia, anche se molti sembrano implicare i tagli alla spesa. Per esempio, se la critica di Krugman sull’austerità Italiana è coerente con le sue critiche sull’austerità nel resto dell’Europa, sappiamo che parla di tagli alla spesa. Quindi diamo un’occhiata e vediamo se questi tagli ci sono stati:

* Utilizzando il deflatore del PIL

 La spesa in termini nominali è aumentata con un tasso medio annuale del 4.1% tra il 2000 e il 2009 e poi è leggermente scesa l’anno successivo. Nel 2011 la spesa pubblica era dello 0.14% appena al di sotto del suo livello del 2009. Per quanto riguarda la spesa in termini reali, non c’è stato alcun taglio. E come quota dell’economia, la spesa totale ha raggiunto un picco nel 2009 al 51.6% del PIL ed è scesa al 49.6% lo scorso anno, un calo tutt’altro che significativo.

Allora dov’è tutta questa austerità in Italia? Secondo il Financial Times, il “pacchetto … Leggi tutto